Pagamento sicuro con Visa

Consegna conveniente

Mangimi in sacchi e mangimi supplementari

Scegli i tuoi filtri

Categoria
Soggetto
Tipo
1 - 24 di 18 articoli |
Ordina per:
Alimentazione e salute
10 consigli per rendere più grasso un cavallo magro
Il vostro cavallo è troppo magro? Se il cavallo è tirato su (infossato) dietro le costole, vicino ai fianchi, questo indica una carenza di foraggio. Se è possibile vedere le costole del cavallo e i quarti posteriori sono infossati (le sporgenze delle ossa dell'anca sono chiaramente visibili), allora il cavallo è davvero troppo magro. Potrebbe anche darsi che il cavallo non sia troppo magro, ma che abbia bisogno di aumentare i muscoli. Cause di un cavallo magro Se il cavallo è sottopeso, le cause possono essere diverse: La dieta non è sufficientemente ricca di energia e proteine Il cavallo potrebbe avere un'infezione da vermi I denti potrebbero non essere in buone condizioni e il cibo non viene digerito correttamente. In un cavallo anziano il sistema digestivo può diventare meno efficiente, rendendo l'animale magro. Il cavallo potrebbe aver perso peso a causa di una malattia Come far ingrassare un cavallo magro Se il vostro cavallo è troppo magro, è bene esaminare innanzitutto la causa. Se semplicemente non ha abbastanza energia, si tratta di somministrare più fibre, grassi e proteine. Ma potrebbe anche avere qualcosa nelle membrane che lo rende troppo magro. Vi diamo 10 consigli che possono aiutarvi a far riprendere peso al vostro cavallo magro. 1. Eseguire un esame del sangue e del letame Se il cavallo riceve semplicemente troppo poco mangime, è possibile sottoporlo a un esame del sangue. Con un esame del sangue si cercano le cause patologiche del sottopeso. Ad esempio, si verifica se il fegato, i reni e l'intestino del cavallo funzionano correttamente, oppure se un'infiammazione o un virus possono avere un ruolo. Durante l'esame del letame, vengono esaminati eventuali vermi e sabbia presenti nel letame. Entrambi gli esami possono essere eseguiti da un veterinario. 2. Controllare i denti Se un cavallo ha un problema ai denti, può essere che mangi meno e perda peso. Pertanto, fate sempre controllare i denti del vostro cavallo dal dentista. Se i denti, il sangue e gli escrementi sono buoni, è possibile impostare un programma di alimentazione speciale per incoraggiare l'aumento di peso. Il veterinario può aiutarvi in questo oppure chiedete consiglio ai nutrizionisti di Pavo. 3. Fornire foraggio grezzo di buona qualità I cavalli non possono ingrassare mangiando fieno e paglia scadenti. Ai cavalli che hanno bisogno di ingrassare bisogna dare del buon fieno o del foraggio nutritivo, evitando i foraggi grossolani e difficili da digerire. La qualità e il valore nutrizionale del foraggio grezzo possono variare da un lotto all'altro. Se volete essere sicuri che la qualità del vostro fieno sia buona, dovete farlo analizzare. A tal fine, è possibile far analizzare un campione di foraggio grezzo con l'apposito strumento. Contenuto di sostanza secca: In media, il contenuto di sostanza secca del fieno per cavalli è pari a 650-700. Ciò significa che il foraggio grezzo è composto per il 65-70% da sostanza secca e per il 30-35% da acqua. In termini relativi, è necessario somministrare molti chili di insilato pre-essiccato perché gran parte di esso è solo umidità. Valore energetico Si può anche guardare al valore energetico e al contenuto di VREp (proteine grezze digeribili). Entrambi dovrebbero essere abbastanza alti per far aumentare di peso un cavallo magro. Il valore energetico medio della sostanza secca è di 0,65 EWpa (valore energetico). Il valore medio di VREp è di 78 grammi per kg di sostanza secca.   Vitamine, minerali e oligoelementi Se il foraggio grezzo proviene da un terreno fertilizzato, i livelli di minerali e oligoelementi sono solitamente bilanciati. La situazione è diversa per i terreni non fertilizzati. In questo caso è spesso necessaria un'integrazione attraverso un concentrato o un supplemento. 4. Somministrare foraggio grezzo illimitato Fornite a un cavallo magro un numero illimitato di foraggi grezzi. I cavalli cercano naturalmente il cibo per tutto il giorno. Se il foraggio grezzo è disponibile in quantità illimitata, il cavallo potrà mangiare tutto il giorno e, quindi, aumentare di peso più rapidamente. Se non c'è abbastanza foraggio grezzo a disposizione, Pavo FibreNuggets può offrire una soluzione. Questi pezzetti d'erba sono ricchi di fibre e hanno una qualità costante. Sono adatti per ogni cavallo e per ogni razione e sono facili da mangiare anche per i cavalli più anziani. 5. Dare al cavallo (più) pascoli Spesso i cavalli aumentano di peso più rapidamente grazie al pascolo. L'erba fresca contiene più energia e proteine del fieno e degli insilati. Pertanto, assicuratevi che il vostro cavallo, se possibile, possa mangiare molta erba. Molti cavalli trascorrono meno tempo sui prati in inverno che in estate. In inverno l'erba non cresce e i livelli sono più bassi. Ecco perché spesso i cavalli perdono peso in autunno e in inverno Tenete presente il contenuto di fruttani nell'erba durante la stagione del pascolo, soprattutto se il vostro cavallo è sensibile agli zuccheri. 6. Optate per i pezzi espansi e/o per il muesli soffiato. Cercate di nutrire un cavallo o un pony che ha bisogno di aumentare di peso con alimenti ricchi di energia e facilmente digeribili. Per questo motivo, optate per concentrati in cui i cereali sono stati digeriti mediante riscaldamento (in pezzi pellettati e muesli soffiato), come ad esempio Pavo SportsFit . Le materie prime vengono riscaldate sotto pressione, rendendo l'amido quasi completamente digeribile nell'intestino tenue. Nell'appendice e nell'intestino crasso si forma molto meno acido lattico. L'acidità non diminuisce di conseguenza e non si creano tossine a causa della morte dei microrganismi. 7. Somministrare una razione ricca di olio o di grassi L'olio è una fonte di energia rinnovabile. Il cavallo ottiene più energia dall'olio e non ha caldo. Aggiungete olio vegetale alla razione o scegliete un concentrato con un contenuto di grassi o oli leggermente superiore. Ad esempio, date da mangiare al vostro cavallo sportivo Pavo  SportsFit (muesli),  Pavo Performance  (crocchette) o il topping  Pavo TopSport. Pavo 18Plus è studiato per le esigenze dei cavalli anziani. Considerate anche un alimento come Pavo SlobberMash come bonus! 8. Adattare la razione alla quantità di manodopera Adattare sempre la razione al lavoro che svolge il cavallo. Quando ci si allena duramente e il cavallo diventa un po' magro, significa che si sta somministrando una quantità di energia e proteine troppo bassa rispetto al lavoro che il cavallo sta svolgendo. Si consiglia di passare a un boccone o a un muesli più ricco di energia o a un condimento supplementare come Pavo TopSport . 9. Somministrare al cavallo una quantità sufficiente di proteine I mangimi, soprattutto per le cavalle gravide e in lattazione e per i cavalli giovani, contengono sempre un contenuto proteico maggiore perché questi cavalli devono crescere. Un pellet per cavalle, come Pavo PodoLac è quindi sicuramente una buona idea per un cavallo magro, perché favorisce anche lo sviluppo muscolare. Un cavallo anziano ha un sistema digestivo meno efficiente ed è meno in grado di digerire le proteine rispetto a un cavallo giovane. Un cavallo anziano, quindi, ha bisogno di una quantità relativamente maggiore di proteine nella razione per mantenere il peso e la muscolatura. A questo scopo Pavo ha sviluppato 18plus: il mangime appositamente studiato per i cavalli anziani e con un maggiore contenuto proteico. Pavo WeightLift è anche una buona opzione per i cavalli magri. Questo alimento è privo di cereali, ma molto ricco di fibre e proteine. 10. Aiuta la salute dell'intestino con la polpa di barbabietola decorticata La polpa di barbabietola è un ottimo integratore per i cavalli magri. Un esempio di polpa di barbabietola desugarizzata è Pavo SpeediBeet . Questo prodotto contiene pectina, una fibra solubile ancora più digeribile di quella contenuta in altri foraggi grezzi. Ciò rende questa polpa di barbabietola una fantastica fonte di energia abbondante a lento rilascio, perfetta per tutti i tipi di cavalli e pony. La pectina ha un effetto prebiotico. Ciò significa che la fibra favorisce la crescita di batteri sani nell'intestino. Se il vostro cavallo è molto magro o, per esempio, ha difficoltà ad assumere il "normale" foraggio grezzo, Pavo FibreBeet  è una scelta migliore. Si tratta di una miscela di Pavo SpeediBeet arricchita con erba medica per una maggiore quantità di proteine. Questa combinazione lo rende un "ingrassatore" sicuro e sano, ideale per cavalli magri (anziani) e cavalli (sportivi) con scarsa muscolatura. Poiché è necessario bagnare entrambi i prodotti con acqua prima della somministrazione, è molto indicato per i cavalli (anziani) con problemi dentali. Per saperne di più sulla polpa di barbabietola per cavalli, leggete qui . Ingrassare un cavallo: non si deve fare così Se si vuole far ingrassare un cavallo, ci sono alcuni "consigli" che si sentono in giro ma che non si dovrebbero MAI seguire. Non date grandi quantità di mais schiacciato, insilato o farina di mais per aumentare il peso. Il mais può far aumentare rapidamente il peso del cavallo, ma è molto difficile da digerire per il cavallo. Quando il mais non digerito finisce nell'intestino crasso e nell'appendice, possono verificarsi coliche gassose o diarrea. Fate quindi attenzione!   Dopo aver letto questo opuscolo saprete che: Perché il foraggio grezzo è così importante per i cavalli Qual è la qualità media del foraggio grezzo Quali alternative di foraggio grezzo esistono Le cose da fare e da non fare nel campo della gestione dei mangimi (di foraggio grossolano) Consigli pratici sul foraggio grezzo per il cavallo anziano
Leggi di più 5m
Alimentazione e salute
Alimentazione corretta dei cavalli anziani
Alimentazione corretta dei cavalli anziani Con l'avanzare dell'età, le esigenze nutrizionali del cavallo cambiano: sebbene il tasso metabolico basale e quindi il fabbisogno energetico di solito diminuiscano, aumenta allo stesso tempo il fabbisogno di nutrienti essenziali come proteine di alta qualità, vitamine, minerali e oligoelementi. Per mantenere il cavallo in forma e pieno di vitalità anche in età avanzata, è quindi necessario non solo garantire una buona gestione e un sufficiente esercizio fisico, ma anche adattare l'alimentazione in base alle esigenze del cavallo anziano. "La composizione ottimale del mangime dipende dallo stato di salute, dal peso corporeo e dal metabolismo del cavallo in questione", afferma la dottoressa Ingrid Vervuert, veterinario specialista in nutrizione animale e dietetica presso l'Università di Lipsia. Un mangime per anziani deve essere adattato ai problemi speciali dei cavalli anziani. "Ad esempio, dovrebbe compensare la scarsa assunzione di cibo dovuta a problemi dentali, perdita di peso o problemi metabolici legati all'età", afferma l'esperta. Di norma, un mangime per cavalli anziani ha senso a partire da circa 18 anni di età. Tuttavia, più importante dell'età è lo stato di salute. Quando un cavallo diventa "vecchio"? Anche se la percentuale di cavalli che vivono ben oltre i 20 anni, o addirittura oltre i 30 anni, è in netto aumento grazie a un'alimentazione ottimizzata e basata sulle esigenze con foraggio grezzo e mangimi concentrati, un cavallo può ancora essere definito "vecchio" quando raggiunge i 20 anni. Calcolato in anni umani, ha già 60 anni. Come si fa a capire che il cavallo sta invecchiando? Soprattutto l'aspetto del vostro cavallo vi dirà quando sta invecchiando. L'aspetto esteriore è anche un segno che il cavallo sta invecchiando all'interno. Abbassamento della schiena. Degradazione dei muscoli e perdita di peso. Pelle più flaccida e spesso più secca. Gli occhi iniziano ad annebbiarsi e si formano avvallamenti sempre più profondi sopra gli occhi. Il manto del cavallo diventa grigio, soprattutto intorno al muso. Cambio di pelo scarso o prolungato. Sviluppo delle tipiche "malattie della vecchiaia", come problemi dentali, peggioramento della digestione, PPID o laminite. Perché dovreste prestare particolare attenzione al vostro senior? Con l'età, non solo le caratteristiche esterne diventano visibili, ma il cavallo può anche diventare più suscettibile alle malattie a causa di un sistema immunitario invecchiato. Una volta che un cavallo anziano si ammala, si riprende dalla malattia molto più lentamente. Nutrire il cavallo con una dieta che soddisfi le sue esigenze può contribuire in modo significativo alla rigenerazione e alla salute del cavallo anziano. Prestate particolare attenzione a un apporto sufficiente di proteine di alta qualità con aminoacidi essenziali. A cosa bisogna prestare attenzione quando si alimentano i cavalli anziani? I cavalli anziani hanno una maggiore richiesta di nutrienti. Uno dei motivi è che gli anziani fanno più fatica a digerire il mangime e gli eventuali integratori di cui hanno bisogno. Pertanto, il tipo e la quantità di cibo devono essere adattati a queste circostanze. Anche l'alterazione dell'equilibrio ormonale e il rallentamento del metabolismo contribuiscono a rendere più difficile la digestione e l'assorbimento dei nutrienti da parte dell'organismo. Come cambiano le esigenze alimentari dei cavalli anziani? Il mangime deve avere una buona biodisponibilità ed essere facilmente digeribile. È quindi importante che i nutrienti siano di alta qualità naturale, in modo che possano essere facilmente assorbiti e utilizzati dall'organismo. Allo stesso tempo, il mangime deve contenere una quantità sufficiente di fibre alimentari per una sana digestione. Erba Nei mesi estivi, il pascolo regolare è una parte importante dell'alimentazione. I cavalli con problemi dentali di solito possono mangiare l'erba più facilmente del fieno o del foraggio, perché è più morbida. Inoltre, il libero movimento nel pascolo stimola il benessere generale del cavallo. "Se c'è abbastanza erba e i cavalli anziani possono mangiare in pace, 24 ore di pascolo dalla primavera all'autunno sono l'ideale", dice la dottoressa Ingrid Vervuert. Le uniche eccezioni sono i cavalli in grave sovrappeso e quelli affetti da malattie metaboliche come la laminite o la malattia di Cushing (PPID). Foraggio o sostituto del foraggio La quantità di foraggio grezzo o di sostituto del foraggio grezzo di cui il cavallo ha bisogno dipende dalla disponibilità di erba, dalle condizioni di salute e dal peso corporeo del cavallo. Come regola generale, i cavalli anziani hanno bisogno di almeno l'1,5% -2% del loro peso corporeo in foraggio grezzo. Un cavallo di 600 kg dovrebbe quindi mangiare 9-12 kg di fieno, foraggio di fieno o una quantità equivalente di sostituto del foraggio grezzo al giorno. Si noti che il contenuto energetico del foraggio grezzo può variare notevolmente. "Più il fieno o il foraggio è stato raccolto all'inizio dell'anno, più alto è il contenuto energetico", afferma la dottoressa Ingrid Vervuert. Anche in età avanzata, se l'alimentazione lo consente, il fabbisogno energetico principale dovrebbe essere coperto da foraggio grezzo di alta qualità. Suggerimento: se il cavallo non riceve alcun mangime concentrato o ne riceve molto poco, oltre al foraggio grezzo è molto importante aggiungere vitamine, minerali e oligoelementi. A prescindere dall'età, il fabbisogno del cavallo non può essere coperto esclusivamente da erba, fieno o foraggio. In questo caso consigliamo Pavo DailyFit o Pavo Vital come integratori alimentari giornalieri. Una mattonella copre già il fabbisogno giornaliero di vitamine e minerali senza un surplus di energia. Mangimi concentrati I cavalli anziani troppo magri o che tendono a perdere massa corporea hanno spesso bisogno di un concentrato speciale per anziani. La dottoressa Ingrid Vervuert consiglia fiocchi di cereali scomposti termicamente, oli vegetali di alta qualità, farina di estrazione di soia, fiocchi di patate o di piselli. "Questi mangimi sono particolarmente adatti ai cavalli anziani perché sono facilmente digeribili e sono fonti di proteine ed energia di alta qualità", afferma la veterinaria specializzata. Queste esigenze sono prese in considerazione, ad esempio, nel Pavo18Plus. Poiché spesso i cavalli anziani possono utilizzare i nutrienti della dieta solo in misura ridotta, a causa di problemi dentali o eventualmente di una minore secrezione di enzimi digestivi, spesso è necessario somministrare energia e proteine in eccesso rispetto al fabbisogno. È possibile immergere il concentrato in acqua, proprio come il sostituto del foraggio grezzo. Se il cavallo anziano è riluttante a mangiare il pastone, è sufficiente aggiungere delle carote o delle mele essiccate, della polpa di barbabietola da zucchero macerata o simili. Questo renderà il sapore più gradevole e fornirà ulteriori vitamine e fibre grezze. Zinco, selenio e rame I cavalli anziani hanno un fabbisogno maggiore di alcune vitamine e minerali come zinco, selenio e rame. Lo zinco svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo dei capelli e della pelle ed è importante per il sistema immunitario. Il selenio protegge le cellule dell'organismo e partecipa al metabolismo e alla crescita muscolare. Proprio come nei puledri che hanno bisogno di crescere, nei cavalli anziani è importante per formare nuove cellule, ad esempio per prevenire la perdita di peso. Il rame svolge un ruolo nella sintesi delle proteine per tendini e cartilagini e nella pigmentazione dei peli. Vitamina C, B e K I cavalli sani sono in grado di produrre autonomamente la vitamina C. Con l'età, tuttavia, questa funzione diminuisce e quindi è necessaria la somministrazione di vitamina C. A causa del ridotto apporto di foraggio grezzo e fibre alimentari, i batteri intestinali non sono stimolati a produrre le vitamine B e K. Il cavallo deve essere alimentato con fibre alimentari supplementari. Con l'aggiunta di fibre alimentari nell'alimentazione del cavallo, ad esempio con Pavo SpeediBeet, Pavo FibreBeet o Pavo WeightLift, si può stimolare la formazione di queste vitamine essenziali. Calcio, sodio e fosforo Il mangime per cavalli anziani non deve contenere troppo calcio, fosforo e sodio. Questi nutrienti devono essere espulsi attraverso i reni. Con l'età, la funzione renale può essere compromessa e, di conseguenza, i prodotti di scarto possono non essere espulsi in modo ottimale. Se il vostro cavallo diventa improvvisamente più suscettibile alle infezioni, ha gravi problemi di cambio di pelo o sembra molto svogliato, è meglio farlo visitare dal veterinario: potrebbe essere carente di un nutriente importante che potete integrare in modo specifico con l'alimentazione. 8 Consigli per l'alimentazione dei cavalli anziani Per aumentare il benessere del vostro cavallo anziano, è molto importante alimentarlo secondo le sue esigenze. Quali sono le cose migliori da cercare nell'alimentazione del vostro cavallo anziano? Una percentuale più elevata di proteine grezze e aminoacidi aggiuntivi (lisina) per mantenere il peso corporeo. Una bassa percentuale di zuccheri e amidi per prevenire problemi metabolici (malattia di Cushing, PPID/laminite, ecc.). Un contenuto di olio più elevato (come fornitore di energia). Vitamine C ed E per rafforzare il sistema immunitario. Oligoelementi legati organicamente (per un assorbimento ottimale). Acidi grassi omega 3 e 6 supplementari. Un rapporto calcio-fosforo adattato. Fibre grezze di alta qualità per favorire la digestione. Inoltre, il mangime deve soddisfare le seguenti 3 condizioni: Dovrebbe essere particolarmente gustoso. Deve essere facile da masticare e da deglutire. Deve essere privo di polvere.
Leggi di più 5m
Alimentazione e salute
Consigli per l'alimentazione dei cavalli anziani
Consigli per l'alimentazione dei cavalli anziani Il fabbisogno energetico del cavallo anziano determina anche l'esatta razione alimentare totale. Il vostro cavallo anziano viene ancora cavalcato poco o può godersi la pensione al pascolo? Se il cavallo anziano viene ancora allenato regolarmente, potrebbe aver bisogno di un mangime speciale per cavalli anziani, oltre a una quantità sufficiente di foraggio grezzo per fornirgli energia e nutrienti. Sapevate che il fabbisogno di alcune vitamine e minerali aumenta anche nei cavalli anziani, anche se sono già in pensione? A causa del loro metabolismo rallentato, hanno bisogno di maggiori quantità di oligoelementi come zinco, manganese e selenio, per esempio, per mantenersi in salute. Anche calcio, fosforo e magnesio sono più necessari per il metabolismo osseo. I minerali importanti per il metabolismo osseo (Ca, P e Mg) devono essere forniti nel rapporto corretto e in base al fabbisogno. Tuttavia, se il cavallo ha una ridotta funzionalità renale, è necessario richiedere una razione personalizzata, poiché questi minerali vengono escreti attraverso i reni. Inoltre, i cavalli anziani hanno un fabbisogno maggiore di energia e proteine per mantenere la loro condizione, oltre che di acidi grassi omega 3 e omega 6. Un mangime specificamente formulato per cavalli anziani tiene conto esattamente di queste esigenze del vostro cavallo anziano e gli fornisce i nutrienti di cui ha bisogno per una pensione felice. Quando date da mangiare al vostro cavallo anziano, assicuratevi che riceva abbastanza fibre grezze, essenziali per una sana digestione e nutrizione. Se il cavallo anziano ha problemi di denti, ad esempio, è possibile che non riesca più ad assorbire abbastanza foraggio grezzo o che non riesca a masticarlo a sufficienza per l'ulteriore processo di digestione. In questo caso, per garantire l'apporto delle importanti fibre grezze, sono disponibili sostituti del foraggio grezzo che devono essere ammollati (lunghezza delle fibre < 1 cm) o possono essere somministrati senza ammollo (lunghezza delle fibre 1-3 cm). Avete altre domande sull'alimentazione del vostro cavallo nelle diverse fasi della vita e dello sviluppo, o altre domande personali sull'alimentazione? I nostri esperti Pavo saranno lieti di aiutarvi. Pavo 18Plus A partire dall'età di circa 18 anni, l'organismo del cavallo cambia. Il metabolismo si deteriora e la digestione funziona in modo meno efficiente. All'inizio non ci si fa caso, perché molti cavalli riescono a dare il meglio di sé anche in età avanzata. Ma anche le esigenze del cavallo cambiano. Ad esempio, l'organismo ha bisogno di più proteine per mantenere la condizione dei muscoli e può utilizzare meno bene gli zuccheri e l'amido. Nel momento in cui si nota un cambiamento esterno, il processo è già in fase avanzata. Pertanto, è bene iniziare a somministrare l'alimentazione giusta in tempo utile. Se il vostro cavallo anziano ha bisogno di proteine supplementari nonostante la razione di concentrato, potete coprire questo aumento del fabbisogno con un booster di proteine concentrate o un topping di proteine naturali. Pavo SpeediBeet Si tratta di fiocchi di polpa di barbabietola senza melassa con un breve tempo di ammollo. Adatti a qualsiasi razione alimentare. Si consiglia di mescolare 1 parte di Pavo SpeediBeet con 5 volte la quantità di acqua (in g). Dopo circa 10 minuti i fiocchi di barbabietola possono essere somministrati. Devono essere completamente ammorbiditi. Le pectine di queste fibre grezze di alta qualità contenute in Pavo SpeediBeet fanno sì che l'energia assorbita possa essere utilizzata meglio dal cavallo. Pavo FibreBeet Pavo FibreBeet è stato sviluppato appositamente per cavalli e pony (anziani) con problemi di condizione fisica. È una combinazione gustosa e accuratamente composta di SpeediBeet (polpa di barbabietola), erba medica e fibre grezze facilmente digeribili provenienti da baccelli di soia. Queste fette di barbabietola devono essere somministrate solo in ammollo in un rapporto di 1 a 3 (1 parte di FibreBeet + 3 parti di acqua), ma devono anche avere un breve tempo di ammollo. Pavo WeightLift I pellet Pavo WeightLift sono pellet di foraggio grezzo e sono stati sviluppati specificamente per la rigenerazione di cavalli magri, sottopeso o anziani in ritardo di condizione. I pellet sono particolarmente ricchi di proteine, ottenute da erba medica e crusca di riso. WeightLift è privo di soia e cereali ed è particolarmente povero di zuccheri e amido. Può essere somministrato secco o ammollato. Pavo FibreNuggets Queste crocchette di fieno, ricche di struttura e realizzate al 100% con erba di pascolo proveniente dalle Prealpi della Germania meridionale, favoriscono la masticazione e la formazione di saliva del cavallo e sono un sostituto di alta qualità del foraggio grezzo. Ideale per cavalli anziani con problemi dentali o altri problemi di assunzione del fieno. Le pannocchie di fieno possono essere somministrate secche o inzuppate e sono ricche di fibre, vitamine naturali e oligoelementi. Pavo SeniorFibre Pavo SeniorFibre è una miscela di fibre (corte) facile da mangiare e può quindi sostituire il normale foraggio grezzo, come fieno e insilati. Consente a questi cavalli, che (temporaneamente) non possono mangiare foraggio grezzo (fibre), di assumere comunque i nutrienti più essenziali e di rimanere in buone condizioni. La miscela di foraggio grezzo, facile da mangiare, non solo è ricca di proteine, ma contiene anche un pellet di aminoacidi appositamente studiato, che favorisce in modo ottimale la conservazione della massa e della funzione muscolare. Il pellet di aminoacidi contiene diversi aminoacidi importanti per un sano metabolismo muscolare e quindi in grado di rallentare il processo di disgregazione muscolare.   Purè senza cereali Pavo Si tratta di un pastone privo di cereali e melassa con un contenuto di zuccheri e amido molto basso. È quindi adatto anche ai cavalli più anziani, in quanto rappresenta la leccornia ideale per i cavalli senza fornire troppi zuccheri, amido ed energia. Le fibre del pastone vengono digerite nell'intestino crasso, impedendo un aumento dei livelli di zucchero nel sangue e favorendo un sistema digestivo sano. Inoltre, è arricchito con prebiotici per supportare ulteriormente il sistema digestivo. Il Pavo GrainFreeMash contiene anche un ricco olio di menta piperita che dà sollievo alle vie respiratorie superiori. Il pastone contiene tutte le vitamine e gli oligoelementi necessari per coprire il fabbisogno giornaliero del vostro cavallo o pony. Pertanto, non è necessario somministrare un mangime minerale aggiuntivo. Raccomandazione di alimentazione al giorno per un cavallo anziano di 600 kg senza o con lavoro leggero: Almeno 7,5-8,5 kg di fieno (in aggiunta all'erba, in alternativa FibreNuggets). circa 2,0 kg Pavo 18Plus circa 0,6 kg di Pavo GrainFreeMash Se necessario, aggiungere alla razione circa 0,6 kg di Pavo SpeediBeet o FibreBeet.   A cosa bisogna prestare attenzione quando si allevano cavalli anziani Controllare le altre condizioni in parallelo alla qualità dell'alimentazione di base. Ciò include: Controlli dentali regolari: Se notate che il vostro cavallo non mangia più velocemente come prima, sputa il fieno in piccoli rotoli o perde peso, molto probabilmente soffre di problemi dentali. Somministrate il più possibile piccole porzioni. Un sufficiente esercizio libero e aria fresca, nonché contatti sociali con altri cavalli, il più possibile privi di stress. Fornite ai cavalli anziani un tempo sufficiente per mangiare. Inoltre, ogni cavallo ha bisogno di tempo sufficiente per riposare. Anche la qualità igienica e la forma di presentazione dell'acqua da bere sono importanti. A causa di problemi dentali, molti cavalli anziani preferiscono bere da grandi vasche piuttosto che da abbeveratoi autonomi. Inoltre, preferiscono l'acqua tiepida a temperature fredde.
Leggi di più 4m
Alimentazione e salute
Laminite
La laminite è una condizione molto dolorosa per un cavallo in cui l'infiammazione dello zoccolo, dovuta a un grave disturbo metabolico, causa problemi. Ma come si riconosce un cavallo affetto da laminite? Quali sono le cause di questa malattia e, soprattutto, come si può trattare? Che cos'è la laminite? La laminite è un'infiammazione all'interno dello zoccolo che provoca l'infiammazione delle lamelle, che assicurano che la parete dello zoccolo e l'osso sacro rimangano fortemente collegati tra loro. Di conseguenza, la connessione tra loro può rompersi e l'osso bara si stacca dalla parete dello zoccolo, causandone l'abbassamento o la rotazione. L'infiammazione è accompagnata da febbre e gonfiore che causano molto dolore al cavallo. La laminite di solito si manifesta (in primo luogo) sugli zoccoli anteriori. Un cavallo che ha avuto la laminite una volta rimarrà sempre suscettibile a questa condizione. Come si riconosce la laminite? Un cavallo intrappolato cercherà di alleviare gli zoccoli colpiti posizionando le zampe posteriori ben sotto il corpo e spostando in avanti la zampa (o le zampe) colpita. Noterete che il cavallo vuole muoversi il meno possibile perché è doloroso. A volte si sdraia anche a lungo per dare sollievo ai piedi. A seconda della gravità della laminite, l'osso della bara può staccarsi dalla bara, causando la perdita di sostegno e l'inclinazione dell'osso della bara. La punta dell'osso della bara sporge quindi nella suola. Nei casi più gravi, si può addirittura vedere l'osso della bara che attraversa la suola. Cause della laminite La laminite può avere diverse cause. Abbiamo elencato per voi le cinque più comuni: 1. Sovrappeso I cavalli e i pony in sovrappeso hanno maggiori probabilità di avere un metabolismo degli zuccheri disturbato, o disregolazione dell'insulina (precedentemente nota come resistenza all'insulina). La disregolazione insulinica nei cavalli causa molti problemi, ma una delle condizioni peggiori che possono insorgere è la laminite. Per scoprire se il vostro cavallo ha una disregolazione insulinica, potete farvi fare un esame del sangue dal veterinario. È difficile da vedere dall'esterno. Per saperne di più sulla disregolazione dell'insulina nei cavalli e su come effettuare il test, leggete qui. Nuovo: Programma Pavo InShape Il vostro cavallo o pony è troppo grasso e volete fargli perdere peso in modo sano? Allora iniziate oggi stesso con il Pavo InShape Program: il programma completo per la perdita di peso dei cavalli. Nuovo: Programma Pavo InShape Il vostro cavallo o pony è troppo grasso e volete fargli perdere peso in modo sano? Allora iniziate oggi stesso con il Pavo InShape Program: il programma completo per la perdita di peso dei cavalli. Scaricate gratuitamente il programma Pavo InShape! 2. Disturbi intestinali Una causa comune di disturbi intestinali è quando un cavallo ingerisce una quantità eccessiva di cibo ricco di energia. Ad esempio, mangiando erba ricca di zuccheri (primaverile) o una grande quantità di concentrato somministrato in una sola volta, come ad esempio mangiando il barile del mangime. In questo modo la flora intestinale viene disturbata e si formano tossine. Se queste entrano nel sangue, si può sviluppare la laminite. 3. Infiammazione uterina Se una cavalla non ha il post parto entro 6 ore dalla nascita del puledro, può verificarsi un'infiammazione uterina. Se queste tossine finiscono nel sangue, la cavalla può diventare laminitica. Pertanto, è bene tenere sempre sotto controllo questo aspetto quando nasce il puledro. 4. Lividi sulla suola Una scarsa cura degli zoccoli può portare, tra l'altro, a contusioni e infiammazioni della suola. Si raccomanda pertanto una manutenzione regolare degli zoccoli e la loro rifilatura e/o ferratura ogni 6-8 settimane, da parte di un maniscalco riconosciuto. Anche il trotto prolungato su strade asfaltate e/o il lungo trasporto su rimorchio possono causare laminite acuta. 5. Farmaci La somministrazione di alcuni farmaci può provocare l'ingresso di sostanze tossiche nel flusso sanguigno, che possono anche causare la laminite. Se il vostro cavallo o pony è sensibile alla laminite, è quindi opportuno leggere sempre attentamente il foglietto illustrativo prima di somministrare il farmaco o consultare il veterinario. 6. Le malattie I cavalli e i pony affetti dalla malattia di Cushing/PPID sono particolarmente suscettibili alla laminite. Il mio cavallo ha la laminite. Cosa fare ora? Quando il cavallo viene catturato, è meglio procedere come segue: Consultare immediatamente il veterinario. Non somministrate più concentrati e pascolo, ma solo fieno povero e stopposo. Al posto dei concentrati, si può optare per un integratore vitaminico-minerale, come ad esempio Pavo Vital o Pavo DailyFit biscotti. Mescolare il Pavo Vital con Pavo DailyPlus per stimolare la masticazione e prevenire le ulcere gastriche. Mettete il cavallo sulla sabbia bagnata o nel fango per raffreddare continuamente lo zoccolo e distribuire/alleggerire la pressione sullo zoccolo. Per ridurre il dolore e la pressione, è consigliabile consultare il veterinario e il maniscalco per vedere quali altre misure possono essere adottate. Prevenzione della laminite Con questi consigli potrete prevenire il più possibile la laminite del vostro cavallo o pony: Assicurare una transizione graduale dalla stalla al pascolo. Iniziate con pochi minuti al giorno e prolungate ogni giorno. Mettete il cavallo all'aperto al mattino, quando il fruttosio è ancora basso, e tenete d'occhio l'indice di fruttosio. fruttosioindice di  se necessario. Attenzione: per i cavalli sensibili è pericoloso uscire al mattino dopo le gelate notturne. Evitate di pascolare su un prato spoglio: l'erba corta e stressata contiene relativamente molti zuccheri. Al mattino, somministrate prima il foraggio grezzo nella stalla o preparate una bella miscela umida di Pavo SpeediBeet  o Pavo Fibrebeet.. Questo assicura al cavallo una sensazione di sazietà, in modo che mangi meno erba nelle prime ore. Regolare la quantità di concentrato quando il cavallo esce al pascolo. I prati a strisce sono una buona soluzione per cavalli e pony sensibili. Si mette un recinto nel prato che si sposta continuamente, in modo che non possano mangiare erba illimitata. Nelle cavalle, prestare attenzione alla tempestività del parto (entro 6 ore). Per i cavalli inclini alla laminite, è bene valutare se l'alimentazione senza cereali sia un'opzione migliore. In questo modo si limita l'apporto di zuccheri e amidi.  
Leggi di più 3m
Alimentazione e salute
Piano alimentare per i puledri
Piano alimentare per i puledri È molto importante che i puledri crescano in modo responsabile. Crescere troppo poco non va bene, ma non va bene nemmeno crescere troppo velocemente. Se il mangime contiene un alto livello di energia e proteine, il puledro crescerà più velocemente, il che non giova alla qualità delle ossa. Pertanto, la qualità del mangime è di grande importanza per lo sviluppo del puledro, ed è per questo che consigliamo di somministrare ai puledri pellet speciali per puledri. Crescita di un puledro Una salute ottimale è un requisito per una crescita adeguata. Se il puledro non è in salute, non sarà in grado di convertire l'energia in crescita. Nelle prime due settimane di vita, i puledri soffrono spesso di flagellazione. Se il puledro è vivace, non ha la febbre e si allatta a sufficienza, non c'è motivo di preoccuparsi e il problema di solito scompare nel giro di pochi giorni. Se il puledro continua a flagellarsi o se si hanno dubbi sulla sua salute, è bene consultare il veterinario. Alimentazione del puledro Durante i primi tre mesi, il puledro assume i suoi elementi costitutivi principalmente dal latte della giumenta, anche se già nella prima o seconda settimana copia la giumenta e cerca di mangiare ciò che mangia la madre. In questo modo, il puledro mangia un po' di erba e di fieno. A volte i puledri mangiano il letame fresco della cavalla. Non è una cosa negativa e anzi è importante per un corretto sviluppo dei microrganismi nell'intestino che assicurano la digestione del foraggio grezzo Assicuratevi però di sverminare il puledro in tempo adeguato. Piano alimentare puledri   Le basi   Consigli per l'alimentazione dei concentrati   Consigli per l'alimentazione bilanciatore/ integratore Dalla nascita Latte di cavalla e erba di pascolo   Iniziare l'integrazione minerale a partire da 14 giorni di età. Nelle prime settimane, somministrare 1 siringa piena (32 ml) al giorno. Pavo PodoCare Liquido Pasta minerale liquida per puledri giovani Puledro di pony: 1 siringa intera al giorno Puledro di cavallo: 1 siringa piena al giorno Dalla settimana 4-5   Latte di cavalla e erba di pascolo A partire dalle 4-5 settimane, il puledro inizierà a mangiare insieme alla madre in modo giocoso e sarà quindi già in grado di consumare erba, fieno e pellet. È questo il momento di offrire lentamente al puledro la propria ciotola di pellet. Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 0,45 chili al giorno Puledro di cavallo: 0,9 chili al giorno Il vostro puledro non riceve Pavo PodoStart o ne riceve una quantità giornaliera inferiore a quella raccomandata? Allora integratelo con uno speciale equilibratore di minerali. Pavo PodoCare Integratore minerale per puledri in crescita e cavalle gravide. Consigli per l'alimentazione quotidiana: Puledro di pony: 100 grammi al giorno Puledro di cavallo: 200 grammi al giorno 2° mese Latte di cavalla e erba di pascolo Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 0,6 chili al giorno Puledro di cavallo: 1,2 chili al giorno   3° mese Latte di cavalla, erba e fieno al pascolo Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 0,75 kg al giorno Puledro di cavallo: 1,5 kg al giorno   4° mese Latte di cavalla, erba e fieno al pascolo Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 0,9 kg al giorno Puledro di cavallo: 1,8 kg al giorno   5° mese Latte di cavalla, erba e fieno al pascolo Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 1,05 kg al giorno Puledro di cavallo: 2,1 kg al giorno   6° mese Latte di cavalla, erba e fieno al pascolo Pavo PodoStart Pellet per puledri giovani Puledro di pony: 1,2 kg al giorno Puledro di cavallo: 2,4 kg al giorno    A partire dal 6° mese, si può passare gradualmente al mangime per l'allevamento Pavo PodoGrow. Continuate così fino all'età di 2,5-3 anni. Suggerimento: al puledro non piace mangiare i pellet (ancora)? Allora provate a mescolarlo con pellet di erba ammollata, come Pavo FibreNuggets, o con una polpa di barbabietola ricca di proteine, come Pavo FibreBeet, per renderlo più gustoso.
Leggi di più 2m
Alimentazione e salute
Elettroliti per cavalli: quando integrare il sale?
Elettroliti per cavalli: quando integrare il sale? Nei mesi estivi, quando fa caldo, i cavalli perdono molto sale attraverso il sudore. Non solo i cavalli sportivi, anche una lunga cavalcata può causare una carenza di sale. Ma di quanto sale ha bisogno esattamente un cavallo? Quando e come è possibile integrarlo al meglio? L'importanza della sudorazione I cavalli sono in grado di gestire bene il caldo perché possono liberarsi del calore sudando. La sudorazione è necessaria per raffreddarsi. Il sudore forma uno strato di umidità che evapora abbassando la temperatura corporea. Se un cavallo non è in grado di sudare perché ha troppo poco liquido nel corpo, ad esempio, si surriscalda. Quando un cavallo suda, non perde solo umidità ma anche sali corporei o elettroliti. Questi elettroliti svolgono un ruolo importante nel bilancio idrico del cavallo, consentendogli di sudare. Bere reintegra i liquidi, ma che dire dei sali? Cosa sono gli elettroliti? Le persone spesso assumono una quantità eccessiva di sale, ma di solito non è così per i cavalli. Soprattutto nei caldi mesi estivi, molti sali corporei vengono persi attraverso il sudore. Il cavallo perde sodio, potassio, cloruro, calcio e magnesio. Le proteine presenti anche nel sudore del cavallo formano uno strato sul mantello che stimola l'evaporazione. In molti cavalli questo si riconosce dalla schiuma bianca che si forma durante la sudorazione, causata dallo sfregamento sul collo e tra le gambe. Quanto sudore perde il cavallo al giorno  1   Sotto la sella è ancora in parte asciutto e in parte umido e appiccicoso. Il collo è appiccicoso e i fianchi sono leggermente più scuri del normale. 1-4 litri 2-7 cucchiaini  2 È bagnato sotto la sella e sul collo. Schiuma qua e là lungo la sella, dove le redini incontrano il collo e tra le zampe posteriori. 4-7 litri 7-12 cucchiaini  3 Sotto la briglia, sul collo e sui fianchi, il cavallo è visibilmente bagnato con chiazze di schiuma qua e là. 7-9 litri 12-16 cucchiaini  4 Collo e fianchi sono completamente bagnati. Macchie bagnate sopra gli occhi. Schiuma bianca tra le zampe posteriori. 9-12 litri 16-21 cucchiaini  5 Vedere il punteggio di sudorazione 4 e le gocce di sudore sopra gli occhi e sull'addome. 12-18 litri  21-32 cucchiaini Fonte: Zeyner et al 2013; Perdite di peso in cavalli allenati, uno studio pilota Reintegrare gli elettroliti Con una carenza di elettroliti, il cavallo è meno in grado di assorbire e trattenere l'umidità e si disidrata. L'elasticità della pelle e la resistenza diminuiscono, rendendo il cavallo letargico e svogliato. A una temperatura di circa 20 gradi, il cavallo perde circa quattro litri di liquidi e 30 grammi di sale all'ora facendo un lavoro leggero. Bevendo a sufficienza, il cavallo reintegra i liquidi. Tuttavia, il reintegro dei sali è una storia diversa. Il foraggio contiene pochissimo sale. I cavalli sportivi, in particolare, hanno spesso un maggiore fabbisogno di sale e ne abbiamo tenuto conto nei nostri prodotti sportivi aumentando il contenuto di sodio e magnesio. Nonostante questo aumento, è consigliabile aggiungere un integratore di elettroliti se il cavallo si allena in modo eccessivo e suda molto. Con l'aggiunta di sale da cucina, si integrano solo il sodio e il cloruro, ma non tutti gli elettroliti che si perdono con la sudorazione abbondante. Anche un blocco di sale o una leccata possono integrare il sale, anche se è stato dimostrato che l'assorbimento del sale varia notevolmente. La soluzione migliore è la somministrazione di un integratore elettrolitico specifico per cavalli, come Pavo E'lyte o Pavo ReHydrate. Questi integratori alimentari non contengono solo cloruro di sodio, ma anche altri sali corporei che il cavallo perde con la sudorazione. Pavo E'lyte è un integratore di elettroliti e Pavo ReHydrate è una bevanda sportiva con elettroliti e glucosio, che assicura al cavallo un rapido recupero dopo un allenamento intenso o una competizione. Quando è necessario integrare i sali supplementari? Non somministrare il sale standard al giorno, a meno che il clima non sia caldo o il cavallo non sia sottoposto a un'intensa attività fisica. Somministrando gli elettroliti prima dell'allenamento o della gara, si evita che il cavallo inizi con una possibile carenza. Non si deve temere un sovradosaggio perché un eventuale eccesso viene semplicemente eliminato, anche se una quantità giornaliera elevata di sale può favorire lo sviluppo di ulcere gastriche o aggravare quelle già esistenti. Non dimenticate di fornire sempre al vostro cavallo acqua fresca a volontà! Il sale in eccesso rende il cavallo più assetato ed è importante che possa bere per prevenire i sintomi della disidratazione. Suggerimenti per la stagione calda La somministrazione di elettroliti non è sempre sufficiente in caso di caldo estremo, ecco qualche consiglio in più: -Adattare il programma di pascolo Assicuratevi che il cavallo non sia esposto al sole durante le ore più calde della giornata. Ad esempio, mettetelo fuori di notte o il più presto possibile al mattino. Se ciò non è possibile, prevedete un'ombra sufficiente nel prato sotto forma di un riparo o di alberi. -Schermo solare I cavalli o i pony con il naso chiaro si scottano il naso molto rapidamente, il che può essere molto doloroso. Applicate quindi molta protezione solare! -Aggiungi un extra Il calore può rendere l'erba molto secca e gialla. Il valore nutrizionale dell'erba non è quindi molto elevato. È opportuno somministrare fieno supplementare o sostituti del foraggio grezzo, come Pavo DailyPlus (miscela di foraggio grezzo) o SpeediBeet (polpa di barbabietola non zuccherata), oppure optare per un pezzo di erba come Pavo FibreNuggets. Il vostro cavallo si annoia rapidamente e volete fornirgli un po' di attività extra? Allora somministrate 2 Pavo HayChunks al giorno. Si tratta di snack salutari a base di foraggio grezzo. -Fornire acqua fresca in abbondanza Un cavallo adulto di circa 600 kg può bere da 40 a 60 litri al giorno durante la stagione calda. Fornite sempre molta acqua fresca da bere, ricordandovi di pulire la ciotola dell'acqua ogni giorno nella stagione calda. Assicuratevi che il vostro cavallo non beva improvvisamente troppa acqua fredda dopo la cavalcata, poiché ciò può provocare coliche. -Personalizzare l'allenamento Non è piacevole allenarsi duramente a temperature estreme. Cercate di cavalcare/allenarvi la mattina presto o la sera tardi.  Se è indispensabile cavalcare a temperature elevate, assicuratevi di raffreddare bene il cavallo dopo.
Leggi di più 3m
Alimentazione e salute
Coliche: tutto sulle coliche nei cavalli
La colica è un termine collettivo che indica il dolore addominale e può essere molto pericolosa per i cavalli, tanto che, nel peggiore dei casi, possono morire. Leggete qui tutto ciò che riguarda le coliche nei cavalli, quali possono essere le cause, i consigli per prevenirle e quali sono i consigli alimentari dopo una colica. Cosa sono le coliche? Le coliche nei cavalli sono una forma di dolore addominale. Nel cavallo possono verificarsi blocchi, crampi, accumuli di gas o spostamenti in vari punti del tratto digestivo, che spesso provocano coliche. Tipi di coliche Esistono diversi tipi di coliche, la parte difficile è che a volte il cavallo mostra molto chiaramente che qualcosa non va e a volte i sintomi sono minimi. I tipi più comuni di coliche nei cavalli sono: Coliche gassose Normalmente, i gas lasciano il corpo attraverso il movimento del vento o delle scoregge. Se i gas non possono uscire, ad esempio perché si sono accumulati o perché l'intestino è (parzialmente) ostruito, si può verificare una colica gassosa. Coliche da costipazione Il cavallo ha una colica da costipazione quando l'intestino è intasato dal mangime. Spesso si verifica se, ad esempio, il cavallo mangia troppa paglia, non macina correttamente il mangime e/o non beve abbastanza. Colica di sabbia Se il cavallo mangia troppa sabbia, ad esempio perché l'erba del pascolo è molto corta, o viene alimentato con foraggio grezzo da terra nel paddock, la sabbia pesante rimane nell'intestino e si può sviluppare una colica da sabbia. Coliche crampiformi Lo stress cronico o i cambiamenti improvvisi nella gestione del cavallo, ad esempio il cambio di alimentazione o di stabulazione, possono causare crampi intestinali.  Cause delle coliche nei cavalli Se il vostro cavallo ha le coliche, le cause possono essere diverse, come un'infestazione di vermi, una cattiva manutenzione dei denti, un accumulo di sabbia o un'infiammazione o paralisi dell'intestino. Le coliche possono anche essere causate da cibo ammuffito o avariato. Altre cause di colica legate all'alimentazione possono essere: Una razione a basso contenuto di fibre (= troppo poco ruvido) e/o amidacea. Passaggio troppo rapido a una nuova razione, sia di concentrati che di foraggio grezzo. L'erba primaverile ricca di zuccheri può causare coliche a causa dell'elevato contenuto di zuccheri e del flusso veloce. Mangiare una grande quantità di paglia. A causa della massa secca e della grande quantità, può causare un blocco. Quando la transizione è graduale, la paglia può facilmente far parte della razione. Sintomi delle coliche Un cavallo con coliche non sembra in forma e spesso appare svogliato o irrequieto. Non tutti i sintomi sono sempre visibili, ma se il cavallo presenta alcuni dei seguenti, è probabile che si tratti di coliche: Non vuole mangiare Il cavallo si rotola o continua a sdraiarsi e a rialzarsi. Osservare il fianco o calciare il ventre Sudorazione e febbre Aumento della frequenza cardiaca e della respirazione   I sintomi di una colica da costipazione in un cavallo possono essere gli stessi di una colica da sabbia o da gas nel vostro cavallo. Non è possibile dedurre dal comportamento del cavallo il tipo di colica. Cosa fare con un cavallo con le coliche? Se sospettate che il vostro cavallo abbia una colica, avvisate immediatamente il veterinario e descrivete i sintomi che avete notato. Se potete contare o misurare la frequenza cardiaca del vostro cavallo, più alta è la frequenza cardiaca, più urgente è la necessità di rivolgersi al veterinario! La cosa migliore da fare dipende dalla gravità della colica. Se possibile, lasciate che il cavallo cammini per 15 minuti o mezz'ora, a patto che non rappresenti un pericolo per se stesso e per voi proprietari. Se il cavallo ha una colica così grave, a volte è consigliabile metterlo in un recinto/box dove possa danneggiarsi il meno possibile. In genere, il rotolamento non peggiora la colica in quel momento. In ogni caso, non aspettate. Le coliche in un cavallo possono essere fatali. Consigli per prevenire le coliche nei cavalli Non è sempre possibile controllare lo sviluppo delle coliche, ma ci sono diversi accorgimenti che si possono prendere in considerazione per prevenire il più possibile le coliche nel cavallo. Ecco alcuni suggerimenti in sintesi: Non cambiate mai l'alimento bruscamente, ma fatelo gradualmente. Questo vale non solo per i concentrati, ma anche per il fieno o il pascolo. Somministrate al cavallo la quantità di cibo adeguata allo sforzo e alle prestazioni che deve compiere quel giorno e assicuratevi che abbia a disposizione una quantità sufficiente di foraggio e di esercizio, in modo che l'intestino rimanga attivo. Assicuratevi che il fieno non sia stato appena raccolto o contenga macchie di muffa. In ogni caso, non è saggio mettere nella stalla mangime o paglia ammuffiti. Evitate di consumare grandi quantità di alimenti amidacei, come la farina di mais e il grano. Troppo e troppo presto non va mai bene! Assicuratevi quindi che il vostro cavallo mangi con calma e che non beva troppa acqua fredda subito dopo un esercizio fisico intenso. Non dimenticate mai di mettere in ammollo la polpa di barbabietola per cavalli come Pavo SpeediBeet e Pavo FibreBeet in acqua prima della somministrazione. È possibile fornire un ulteriore supporto alla funzione intestinale del cavallo con un integratore speciale, come ad esempio Pavo GutHealth . Gli ingredienti naturali al 100% contenuti in Pavo GutHealth assicurano un'alimentazione ottimale dei batteri sani dell'intestino crasso e tenue e un riequilibrio della popolazione batterica. Infine, assicurate una buona politica di sverminazione e controlli dentali regolari.
Leggi di più 3m
Alimentazione e salute
Piante, alberi e fiori velenosi per i cavalli
In alcuni pascoli non crescono solo piante e fiori salutari per il cavallo, ma anche piante che possono rappresentare un grande pericolo. In generale, i cavalli sanno bene quali piante sono velenose a causa del loro sapore amaro ma, in alcuni casi, le mangiano comunque. Attualmente sono circa 80 (!) le specie vegetali europee velenose per i cavalli. Queste piante velenose possono causare vari sintomi. Oltre alle piante, anche gli alberi e i fiori sono velenosi per i cavalli. Come si può proteggere il cavallo da piante, alberi e fiori velenosi? In primo luogo, la migliore misura di sicurezza è quella di non far pascolare il cavallo in un pascolo che non sia stato accuratamente ispezionato in precedenza. La maggior parte delle piante velenose ha un sapore molto amaro, quindi i cavalli di solito non le mangiano rapidamente. Quando l'erba del pascolo è troppo poca e/o il cavallo ha a disposizione troppo poco foraggio, può comunque accadere che mangi altre piante che non gli piacciono e che possono essere velenose. Inoltre, alcune piante sviluppano un sapore velenoso solo quando la pianta è completamente cresciuta. Inoltre, le piante velenose perdono il loro sapore amaro quando vengono essiccate. Ciò significa che il cavallo non sempre riconosce le piante velenose come tali, mentre l'effetto del veleno non viene meno. Ecco perché gli scarti di potatura sono sempre molto pericolosi da dare al cavallo, ma anche il fieno dove il pascolo non è stato controllato per le piante velenose. Non date mai scarti di potatura al vostro cavallo e informate i residenti della zona. Non acquistate mai fieno da una fonte non affidabile o da un prato ai bordi della strada! Inoltre, osservate bene i dintorni del prato. Quali alberi si trovano vicino al prato e sono velenosi? E il vostro cavallo è in grado di percepirlo? Avete scoperto una pianta o un fiore velenoso nel pascolo dei cavalli? Quindi rimuovetelo il prima possibile. Assicuratevi di estrarla dal terreno, con tutte le radici. Inoltre, non dimenticate che le piante velenose hanno periodi di fioritura diversi e non rimangono sempre nello stesso posto ma, a volte, "vagano" anche nel prato. Un controllo del pascolo una tantum non è quindi sufficiente. È importante farlo regolarmente. Quando ci sono alberi o arbusti velenosi vicino al pascolo, è bene assicurarsi che i cavalli non possano raggiungerli e che il pascolo sia (parzialmente) chiuso durante il periodo in cui rilasciano le foglie o i frutti. Suggerimento: assicuratevi che il vostro cavallo non raccolga piante sconosciute mentre è in sella. In condizioni di lavoro, i cavalli sono distratti e quindi scelgono il cibo in modo meno selettivo o istintivo. Questo aumenta il rischio di avvelenamento! Cavalli e artemisia L'artemisia è una delle piante velenose più note per i cavalli. Questa pianta cresce molto bene, soprattutto da giugno a ottobre, su un terreno argilloso arricchito di azoto. L'Erba di Natale non perde la sua tossicità dopo l'essiccazione! È quindi importante controllare anche il fieno per verificare la presenza di questa erba. Una volta che il cavallo ha ingerito l'artemisia, uno dei sintomi principali è il danno epatico. I danni al fegato sono causati dagli alcaloidi della pianta. Anche l'apatia, la depressione, la perdita di appetito e la perdita di peso sono sintomi riconoscibili dell'avvelenamento da artemisia. L'erba di Giacobbe è letale per i cavalli? Se un cavallo ingerisce l'artemisia per un lungo periodo di tempo, piccole quantità possono già avere conseguenze importanti. L'artemisia è letale se un cavallo adulto mangia 14 kg di erba fresca o 2 kg di erba secca. Per un piccolo pony valgono 4 kg di pianta fresca o 0,5 kg di pianta secca. Quindi fate attenzione! L'artemisia si riconosce nei prati per i suoi fiori gialli. Cavalli ed equiseto L'equiseto è un'erba molto velenosa per i cavalli. Vive in luoghi umidi e fiorisce nei mesi di aprile e maggio. I sintomi principali dell'avvelenamento da equiseto sono: aumento dell'irritabilità, barcollamento, paralisi dei quarti posteriori, nervosismo e caduta. Questi sintomi sono causati dalla sostanza velenosa, la tiaminasi, presente nell'equiseto. Questa sostanza scompone la vitamina B1 nell'organismo del cavallo. L'equiseto è meno tossico in forma essiccata rispetto al pascolo, ma può comunque causare gravi danni. Anche in questo caso è importante controllare il fieno! Quali piante, alberi e fiori sono più tossici per i cavalli? Oltre all'artemisia e all'equiseto, molte altre specie di piante e alberi sono velenose per i cavalli e nuove piante vengono costantemente aggiunte a questo elenco. In generale, gli alberi e gli arbusti che rimangono verdi in inverno possono essere classificati come velenosi, ma ce ne sono molti altri. Se si parla di piante altamente velenose in piccole quantità, il bosso, il tasso e l'acero sono sicuramente importanti da tenere d'occhio. Tra le piante, gli alberi e i fiori velenosi in misura minore, ma certamente non adatti al consumo da parte dei cavalli, vi sono i seguenti: Acaciaboom Bracken Azalea Trifoglio bastardo Belladonna Hogweed Faggio  Dolceamaro Monachella blu Ranuncolo Freno Datura Quercia Cicuta e cicuta d'acqua Pioggia d'oro Senza tempo Pista per cani Papavero Edera Albero della vita Ligustri Ombra notturna Narciso Rododendro Robinia Oleandro Pieris Comfrey Ditale Latte di lupo Giusquiamo nero   Nota: questo non è un elenco completo. Come precauzione, il nostro consiglio è, in caso di dubbio sulla tossicità di una pianta o di un albero, di non farla mangiare al vostro cavallo. Cosa fare se il cavallo ha mangiato una pianta velenosa? Purtroppo, l'avvelenamento da piante nei cavalli non è raro e non è sempre prevenibile al 100%. Dopo l'avvelenamento possono manifestarsi diversi sintomi, a seconda della quantità e del tipo di veleno. I sintomi più importanti per riconoscere un avvelenamento sono: problemi digestivi, gonfiore, irritazione cutanea, respiro corto, tremori, coliche, salivazione eccessiva, disturbi dell'equilibrio, paralisi o morte. In caso di avvelenamento acuto, di solito il cavallo reagisce immediatamente dopo aver ingerito il veleno. Nell'avvelenamento cronico il veleno si accumula nel corpo del cavallo e i segni della malattia diventano gradualmente visibili. Se vedete o sospettate che il vostro cavallo abbia mangiato una pianta velenosa, chiamate immediatamente il veterinario. Per la diagnosi e il trattamento è importante sapere quale e quanta pianta ha mangiato il cavallo. Il veterinario può iniziare rapidamente il trattamento giusto. Piante, alberi e fiori non tossici Ci sono anche molte piante che molti pensano siano velenose, ma che in realtà rientrano tra le piante non tossiche. Pensiamo ad esempio al platano, al cespuglio delle farfalle, all'ortica viola morta e alla lavanda. Esistono anche piante commestibili, fiori, alberi ed erbe salutari per i cavalli. Le erbe nel pascolo dei cavalli possono avere un effetto benefico sui processi corporei. Alcuni esempi di piante ed erbe commestibili nel pascolo dei cavalli sono: Tarassaco, prezzemolo, trifoglio bianco e rosso, camomilla, margherita, cardo. Suggerimento: è importante conoscere i nomi e l'aspetto delle piante e degli alberi velenosi per poterli identificare e proteggere il cavallo. È possibile realizzare un poster con le immagini delle piante velenose e il nome corretto. Di seguito sono riportate alcune immagini di piante e alberi comuni altamente tossici per i cavalli.
Leggi di più 4m
Alimentazione e salute
Diarrea del cavallo
La diarrea nei cavalli si riconosce dal letame sottile, dall'ingrassamento frequente e dalla coda e dalle natiche sporche. La cosa più importante è assicurarsi che il cavallo non si disidrati! Ma quali sono le cause della diarrea? E come si può prevenire? Diarrea e acqua di concime: qual è la differenza? La diarrea e l'acqua del letame sono spesso menzionate nello stesso modo nei cavalli. Ciò non sorprende se si considera che alcuni dei sintomi coincidono. Tuttavia, esiste una distinzione tra i due fenomeni. Acqua di letame: durante la digestione, il liquido presente nell'intestino del cavallo viene legato e assorbito nell'intestino crasso. Ma se, per qualsiasi motivo, il cavallo non è in grado di legare l'umidità con il letame, si crea l'acqua del letame. Questa viene spinta fuori attraverso le feci e spesso scorre lungo le zampe del cavallo. Non è uno spettacolo piacevole! La diarrea è spesso un sforzo maggiore per l'organismo del cavallo e dura più a lungo dell'acqua del letame. Con la diarrea, l'intera flora intestinale è disturbata e il cavallo perde molti liquidi e importanti elettroliti. Inoltre, in caso di diarrea (grave) il sistema immunitario viene rapidamente compromesso.   Bisogna fare attenzione sia alla diarrea che all'acqua di letame. L'acqua di letame può trasformarsi in diarrea se dura troppo a lungo e se non viene somministrato il giusto trattamento. Se l'acqua di deiezione non diminuisce o se il cavallo diventa svogliato mentre passa la diarrea, è bene contattare il veterinario. Cause della diarrea nei cavalli In caso di diarrea, il cibo passa attraverso il tratto gastrointestinale troppo velocemente per assorbire correttamente i liquidi e i nutrienti. Ciò può essere dovuto a un aumento della motilità del tratto gastrointestinale, perché la capacità di assorbimento dell'acqua da parte dell'intestino è ridotta, oppure a un maggiore rilascio di liquidi ed elettroliti nell'intestino. Nell'intestino crasso, la digestione non viene effettuata tanto dall'organismo quanto dai batteri che vi vivono. Essi convertono le fibre in entrata che il cavallo non è in grado di digerire autonomamente in nutrienti utili, come gli acidi grassi volatili. Per un sano funzionamento dell'intestino, è molto importante mantenere questi batteri in salute, in modo che possano svolgere bene il loro lavoro. L'insieme di questi batteri è chiamato flora intestinale. Troppa erba primaverile, cibi ammuffiti o cambiamenti improvvisi nell'alimentazione possono alterare la flora intestinale e provocare diarrea. Anche i denti difettosi, l'ingestione di troppa sabbia, alcune infezioni, i vermi e lo stress sono cause di diarrea. Stop alla diarrea nei cavalli La diarrea può disidratare il cavallo e in alcuni casi può essere fatale. La cosa più importante per un cavallo con diarrea è assicurarsi che non si disidrati. È quindi necessario somministrare liquidi e anche sostanze nutritive. Se volete fermare la diarrea nel vostro cavallo, dovete prima scoprire qual è la causa della diarrea. La cosa migliore da fare è consultare il veterinario, dopodiché potrete elaborare insieme un piano di trattamento. Prevenire i cavalli con diarrea Purtroppo non è sempre possibile evitare che il cavallo soffra di diarrea. Tuttavia, è possibile adottare una serie di misure preventive per ridurre il più possibile il rischio di diarrea: Quando i cavalli non sono stati al pascolo per tutto l'inverno e tornano al pascolo in primavera, questo cambiamento può sconvolgere i batteri dell'intestino. La giovane erba primaverile altera la flora intestinale e può provocare diarrea. Anche il cibo ammuffito e rovinato o i cambiamenti troppo repentini nella razione possono disturbare la flora intestinale. Pertanto, assicuratevi sempre di aumentare il pascolo e di cambiare la razione lentamente e di evitare il mangime avariato. Un cavallo con una cattiva dentatura non riesce a masticare a sufficienza il cibo. Di conseguenza, il cibo non può essere digerito a sufficienza, per cui grossi pezzi di cibo finiscono nel tratto gastrointestinale. Questo può portare alla diarrea. Si raccomanda pertanto una visita annuale dal dentista! I cavalli che camminano molto in un recinto di sabbia o in un pascolo povero possono ingerire molta sabbia. Quando assorbe troppa sabbia, questa si accumula nell'intestino, provocando diarrea e/o coliche. La regolare fornitura di un percorso privo di sabbia e la somministrazione di una quantità sufficiente di fieno in un paddock sabbioso o in un pascolo povero possono aiutare a prevenire la diarrea. Suggerimento: assicuratevi che i cavalli ricevano il fieno da una superficie dura, in modo da ridurre l'assorbimento della sabbia poiché i cavalli non devono mangiare il fieno direttamente dalla sabbia. Ad esempio, mettete delle piastre di gomma sotto il fieno.  Una buona politica di sverminazione nella stalla è molto importante per prevenire la diarrea. L'analisi del letame quattro volte all'anno e la sverminazione una volta all'anno (di solito in autunno) con un sverminatore estensivo riducono il rischio di infezione da vermi, come gli ascaridi. Anche la rimozione quotidiana del letame di cavallo dal pascolo riduce la pressione infettiva. I cavalli sottoposti a stress si manifestano spesso con la diarrea. Per prevenire la diarrea, è molto importante limitare i fattori di stress. Si pensi a un contatto sufficiente con i congeneri, a un pascolo sufficiente, a non spostare la stalla troppo spesso, ecc.    Consigli per l'alimentazione per una buona flora intestinale Integratore per una funzione intestinale stabile L'obiettivo del trattamento per la diarrea e/o l'acqua di letame è quello di riequilibrare la popolazione batterica dell'intestino. Pavo  GutHealth è stato sviluppato appositamente per questo scopo. Gli ingredienti naturali al 100% contenuti in questo integratore - tra cui l'erba d'orzo, l'ortica, i prebiotici e gli antiossidanti - forniscono un supporto ottimale ai batteri intestinali sani nell'intestino crasso e in quello tenue, aiutando così a prevenire la diarrea e l'acqua del letame. Pre e probiotici Per sostenere la flora intestinale, si possono somministrare sia pre che probiotici. Di solito i prebiotici e i probiotici vengono citati nello stesso modo, ma c'è una grande differenza tra i due. I prebiotici forniscono cibo ai batteri che lavorano duramente nell'intestino crasso. I probiotici sono i batteri o i lieviti stessi. I prebiotici sono costituiti principalmente da fibre di foraggio grezzo. I batteri si nutrono delle fibre e producono acidi grassi volatili; questo processo è chiamato fermentazione. Gli acidi grassi volatili vengono poi rilasciati nel flusso sanguigno, consentendo al cavallo di utilizzarli come fonte di energia. È quindi molto importante somministrare al cavallo una quantità sufficiente di foraggio grezzo di qualità.  Oltre ai foraggi grezzi più comuni (erba, fieno e fieno), esistono vari tipi di alternative ai foraggi grezzi. È possibile integrare, o addirittura sostituire completamente il foraggio grezzo con queste alternative se il foraggio grezzo è insufficiente, la qualità è moderata o scarsa, ma anche se il cavallo è in grado di assorbire poco o per niente il foraggio grezzo (ad esempio i cavalli anziani), o se il cavallo rimane magro/magro. Pavo ha quattro diversi sostituti del foraggio grezzo: Pavo Fibrebeet , Pavo SpeediBeet , Pavo FibreNuggets e Pavo DailyPlus . È possibile utilizzare i probiotici quando la flora intestinale del cavallo è disturbata. L'equilibrio tra i batteri buoni e quelli meno desiderabili è saltato, permettendo a questi ultimi di espandersi. Questo può accadere, ad esempio, se al cavallo viene somministrato un ciclo di antibiotici. Quando si sceglie un integratore o un alimento probiotico, è importante che contenga lievito vivo. Le cellule di lievito morte non hanno più alcun effetto.
Leggi di più 4m
Alimentazione e salute
Cavalla gravida: alimentazione e travaglio
Cavalla gravida: alimentazione e travaglio Per ogni allevatore, la primavera è un momento emozionante, ma anche ansioso. In vista del parto, è bene pensare alle esigenze alimentari della cavalla prima e dopo il parto, quando è in piena lattazione. E che dire della monta di una cavalla gravida? La fertilità e la cavalla In genere, una cavalla inizia il suo ciclo all'inizio della primavera e va in calore ogni tre settimane fino a settembre. Il periodo fertile della cavalla dura da 3 a 7 giorni. Se la cavalla non riesce a risparmiare energia sufficiente, perché è in cattive condizioni o troppo magra, possono verificarsi problemi di fertilità. Oltre alla regolarità della vita quotidiana, a una buona igiene della stalla, a un sufficiente esercizio fisico e a un ambiente privo di stress, le seguenti vitamine e minerali possono avere un effetto positivo sulla fertilità della cavalla: Beta-carotene (o pro-vitamina A): Il betacarotene favorisce l'inizio del ciclo all'inizio della stagione e la cavalla avrà un calore migliore, inoltre diminuisce il rischio di morte embrionale precoce. Vitamina E: Una carenza di vitamina E provoca infertilità. Nelle cavalle gravide, la carenza provoca la deformazione del puledro (malattia del muscolo bianco) o l'aborto. Acido folico: L'acido folico è noto per i suoi effetti positivi sulle donne in gravidanza, ma poco si sa degli effetti sulle cavalle gravide. Selenio: ha un effetto sulla fertilità simile a quello della vitamina E. L'integratore alimentare Pavo Fertile contiene, tra l'altro, le sostanze sopra citate e può favorire la fertilità della cavalla. Cavalla in puledro o in lattazione e foraggio grezzo L'erba in primavera contiene i nutrienti ideali per le cavalle, tuttavia il foraggio essiccato spesso contiene meno proteine e minerali di quanto si pensi. Inoltre, contiene meno vitamina E rispetto all'erba fresca. Il foraggio con scarso contenuto nutrizionale è sufficiente per i cavalli grassi e le razze resistenti, ma non per una cavalla in lattazione. Molte cavalle hanno accesso all'erba solo a stagione inoltrata e non sempre il pascolo è sufficiente a soddisfare il loro fabbisogno in quei mesi. L'alimentazione con solo foraggio secco non è quindi sufficiente e provoca una carenza di vitamina E, che a sua volta aumenta il rischio di ritenzione della placenta. Alimentazione della cavalla nel puledro Durante i primi otto mesi di gestazione, la dieta normale della cavalla è sufficiente, ma negli ultimi tre mesi di gestazione il fabbisogno alimentare della cavalla cambia drasticamente. Durante questi ultimi tre mesi, il puledro nel grembo materno subisce un'importante crescita. I nutrienti necessari per questa crescita vengono trasmessi al puledro nell'utero attraverso il sangue e dopo la nascita attraverso il latte. La carenza di alcuni nutrienti può causare la predisposizione a problemi alle zampe come l'OC o l'OCD. Pavo Podo®Lac è stato sviluppato appositamente per le fattrici in allattamento e per le cavalle in calore e contiene tutte le vitamine, i minerali e gli oligoelementi necessari per uno sviluppo e una crescita ottimali del puledro. Alimentazione durante la lattazione Dopo il parto, il fabbisogno di energia e proteine della cavalla aumenta enormemente. Nei primi giorni, la cavalla produce circa otto litri di latte al giorno, che aumentano gradualmente fino a venti litri. Una carenza di proteine è dannosa e provoca una riduzione della produzione di latte e un deperimento muscolare nella cavalla. Una cavalla in lattazione ha letteralmente bisogno del doppio di energia e proteine rispetto a una cavalla senza puledro. Durante i primi tre mesi di lattazione, potete continuare a somministrare alla vostra cavalla Pavo Podo®Lac. A partire dalle tre settimane, il puledro inizierà a mangiare i pellet e, di conseguenza, il rapporto con la cavalla potrà essere gradualmente diminuito. Non appena il puledro è stato svezzato, la cavalla può tornare alla dieta a cui era abituata. Mettere a dieta le cavalle grasse in età da puledro? Una cavalla non dovrebbe essere troppo grassa durante la gravidanza. Il motivo è che i puledri delle cavalle grasse crescono più velocemente, il che non è positivo per la qualità delle ossa. Tuttavia, non è saggio mettere a dieta la cavalla dopo il nono mese, poiché il puledro sta attraversando il periodo di maggiore sviluppo. È possibile assicurarsi che non ingrassi e che abbia comunque tutti i nutrienti di cui ha bisogno, utilizzando l'equilibratore per l'allevamento Pavo Podo®Care al posto del mangime composto per cavalle. Cavalcare una cavalla in attesa di un puledro Se non ci sono ragioni mediche che aumentano il rischio di complicazioni durante la gestazione e il parto, potete continuare ad allenare la cavalla come al solito. Solo negli ultimi mesi di gestazione, la cavalla potrebbe appesantirsi troppo e/o la sua resistenza e flessibilità potrebbero diminuire e dovrete modificare l'intensità del programma di allenamento. La cosa più importante è tenere d'occhio il cavallo e usare i segnali che dà per decidere cosa può ancora fare. D'altra parte, non dovreste smettere di esercitarla all'improvviso: è infatti molto salutare esercitare una cavalla fino agli ultimi giorni di vita, ma non cavalcarla più. Dopo tutto, una buona condizione fisica è una prerogativa per un processo di parto facile.
Leggi di più 3m
Alimentazione e addestramento
Strangolamento nei cavalli
Strangolamento nei cavalli anziani Un gran numero di cavalli si ammala di strangolamento in giovane età. Soprattutto i puledri e i giovani di un anno sono particolarmente suscettibili a questa malattia. Gli animali giovani hanno anche maggiori probabilità di sviluppare complicazioni, come lo strangolamento sconfitto (in cui i linfonodi in altre parti del corpo, come la cavità addominale, possono infiammarsi). Dopo un'infezione da strangolamento, circa tre quarti dei cavalli sviluppano l'immunità per un periodo di tempo più lungo. Pertanto, non è detto che i cavalli più anziani non possano contrarre lo strangolamento, ma spesso presentano un quadro clinico meno grave con sintomi quali febbre e naso che cola. A volte, tuttavia, l'infezione può protrarsi per molto tempo, ad esempio in un maneggio o in una pensione con cavalli adulti: è meno probabile che venga riconosciuta come strangolamento. Lo strangolamento è contagioso per gli esseri umani? Fortunatamente, lo strangolamento non è una malattia che si trasmette all'uomo e non ci si ammala. Tuttavia, possiamo trasferire l'infezione da un cavallo all'altro se i batteri rimangono sulle nostre mani o sui nostri vestiti. Non è quindi saggio occuparsi contemporaneamente di cavalli sani e di cavalli affetti da strangolamento. Ecco come limitare gli strangolamenti nei cavalli Isolamento: quando lo strangolamento viene rilevato in un cavallo scuderizzato, è opportuno isolare questo cavallo per evitare la contaminazione di altri cavalli. Circostanze: una stalla poco ventilata, lo stress, la mancanza di alcuni nutrienti e altre malattie possono facilitare i batteri delle MST a creare problemi. Non avvicinatevi: non lasciate che persone che si sono occupate di cavalli affetti da strangolamento si avvicinino a cavalli sani. Indumenti monouso: su un cavallo affetto da strangolamento, utilizzare indumenti da mettere immediatamente in lavatrice, oppure utilizzare indumenti e guanti monouso. Temperatura: è opportuno misurare la temperatura del resto dei cavalli due volte al giorno per prevenire una nuova infezione il più presto possibile e tenere separati i cavalli in questione. Innesto del cavallo per lo strangolamento La vaccinazione contro lo strangolamento può ridurre il numero di infezioni in un gruppo di cavalli e la gravità dei sintomi nei cavalli infetti. Tuttavia, la protezione del vaccino non è del 100%, quindi alcuni cavalli possono ancora mostrare sintomi più lievi. Per ottenere la migliore protezione possibile, un cavallo deve essere vaccinato due volte, con un intervallo di 4 settimane. La vaccinazione deve poi essere ripetuta ogni sei mesi. Trattamento dello strangolamento Quando lo strangolamento è ancora in fase iniziale e non si sono ancora formati ascessi nei linfonodi, gli antibiotici possono eventualmente contrastare l'infezione. Tuttavia, in questo caso, il cavallo sviluppa meno o nessuna difesa e può ancora ammalarsi di strangolamento in un secondo momento. Una volta formatisi gli ascessi, non è saggio continuare il trattamento con antibiotici. In questo modo si sopprime solo la maturazione degli ascessi e, quando si interrompe il trattamento, il decorso della malattia continua come di consueto. Il trattamento di un cavallo affetto da strangolamento mira principalmente ad alleviare il dolore e la febbre. Inoltre, è importante che gli ascessi purulenti nei linfonodi si aprano, in modo che il pus possa fuoriuscire. Quando gli ascessi non si aprono da soli, a volte è necessario l'aiuto del veterinario. Gli ascessi possono poi essere risciacquati quotidianamente con una soluzione disinfettante. Si noti che il pus che fuoriesce è molto contagioso! Durante il trattamento è utile misurare regolarmente la temperatura del cavallo malato. Questo è il modo migliore per determinare se il cavallo si sta riprendendo o quando è opportuno contattare il veterinario (di nuovo). Consigli per l'alimentazione in caso di strangolamento I cavalli con le vie aeree anteriori infiammate e/o con le ghiandole gonfie di solito hanno difficoltà a deglutire. Ecco perché spesso si vedono cavalli affetti da strangolamento che mangiano male. Assicuratevi sempre di offrire del foraggio grezzo, anche se può essere doloroso per il cavallo mangiare. Per assicurarsi che il cavallo continui a mangiare, è possibile offrire il cibo in forma imbevuta. In questo modo è più facile per il cavallo masticare. Pavo SpeediBeet: si tratta di polpa di barbabietola a rapido ammollo, desugata e fonte di superfibre, con cui supportare la flora gastrointestinale del cavallo. Pavo FibreBeet: è possibile somministrare questo prodotto a base di foraggio grezzo anche ammollato, che è una combinazione di Pavo SpeediBeet (polpa di barbabietola dissugata) ed erba medica (proteine). Questo "ingrassatore sano" offre un supporto ottimale per il recupero della condizione fisica.  Pavo FibreNuggets: questi pezzetti d'erba strutturati sono prodotti con erba di prato alpino e possono essere utilizzati come sostitutivi del foraggio grezzo di alta qualità. È meglio somministrarli inzuppati, il che li rende molto adatti ai cavalli (anziani) con problemi dentali. Pavo SlobberMash: il nostro slobber è un concentrato completo e ricco di vitamine e minerali. Favorisce una buona funzione intestinale e una sana digestione ed è facile e veloce da preparare con acqua calda. L'erba è anche abbastanza facile da masticare per il cavallo, quindi si può mettere al pascolo. Attenzione: deve essere un prato di quarantena per evitare contaminazioni. Per garantire che il cavallo non si indebolisca ulteriormente e che il sistema immunitario sia ulteriormente supportato, è possibile somministrare temporaneamente al cavallo malato un "richiamo", ad esempio: Pavo HealthBoost: sostiene il sistema immunitario e la salute intestinale e dà al cavallo una forte spinta durante o dopo un periodo di scarsa salute. Pavo MultiVit15: è un integratore vitaminico completo con le quindici vitamine più importanti per il cavallo. Supporta inoltre il sistema immunitario e assicura un pelo lucido.  
Leggi di più 3m
Alimentazione e salute
Cosa sono gli zoccoli fragili e come prevenirli
Cosa sono gli zoccoli fragili e come prevenirli Gli zoccoli rotti possono influenzare l'intero sistema muscolo-scheletrico del cavallo. La causa degli zoccoli fragili può essere dovuta alla siccità, all'ereditarietà, all'esercizio fisico insufficiente, a una calzatura inadeguata o usurata o a carenze nutrizionali. Ma come si possono prevenire gli zoccoli fragili e come si affrontano gli zoccoli fragili? Cosa sono gli zoccoli fragili? La fragilità degli zoccoli può essere dovuta alla siccità, all'ereditarietà, all'esercizio fisico insufficiente, a una calzatura mal montata o usurata o a carenze nutrizionali. Gli zoccoli fragili sono un evento ricorrente, soprattutto in estate. La siccità elimina l'umidità dagli zoccoli e i terreni sabbiosi e sassosi causano fratture e fessure nello zoccolo. Se la parete del corno di uno zoccolo si rompe troppo, i cavalli sono costretti a camminare sempre più sulla suola sensibile. Questo è molto doloroso per il cavallo e ne ostacola i movimenti. Le condizioni degli zoccoli influenzano anche la posizione delle zampe. In caso di crescita scarsa o irregolare dello zoccolo, la gamba può assumere una posizione sbagliata. Una buona cura degli zoccoli è quindi molto importante per il vostro cavallo. Come si possono prevenire gli zoccoli fragili nei cavalli? - Umido e grasso Per prevenire la fragilità degli zoccoli, è necessario bagnarli regolarmente. Gli zoccoli possono essere ingrassati dopo la bagnatura. Il grasso per zoccoli fa sì che lo zoccolo mantenga l'umidità più a lungo. L'applicazione di grasso per zoccoli asciutti, invece, ha l'effetto opposto: l'umidità viene respinta dal grasso per zoccoli e lo zoccolo si asciuga troppo rapidamente. - Ossigeno e sostanze nutritive attraverso il meccanismo dello zoccolo Lo zoccolo del cavallo riceve ossigeno e sostanze nutritive attraverso il meccanismo dello zoccolo. Quando il cavallo si muove e appoggia lo zoccolo sul terreno, questo si allarga a causa della pressione esercitata dal terreno. Allargandosi, lo zoccolo aspira il sangue. Quando poi lo zoccolo viene sollevato di nuovo, riprende la sua forma originale, leggermente più stretta. In questo modo il sangue esce dallo zoccolo. Quando i cavalli non si muovono a sufficienza, questo sistema di pompaggio non può funzionare e gli zoccoli del cavallo non sono sufficientemente riforniti di sostanze nutritive e ossigeno. Ciò può causare la fragilità degli zoccoli. Il movimento è quindi molto importante per prevenire la fragilità degli zoccoli! - Visite regolari da parte di un maniscalco Anche le visite regolari di un maniscalco professionista contribuiscono a prevenire la fragilità degli zoccoli. Se uno zoccolo non viene tagliato in tempo, le dita possono diventare così lunghe da iniziare a lacerarsi. Un ferro non corretto o usurato ostacola il meccanismo dello zoccolo che limita l'afflusso di sangue allo zoccolo. - Proteine ed energia per zoccoli sani Una dieta poco equilibrata può essere una causa della fragilità degli zoccoli. Le proteine e l'energia svolgono un ruolo importante nella salute degli zoccoli e nella produzione di proteine cellulari e cheratina. La cheratina è una proteina strutturale ed è il componente principale dei capelli e degli zoccoli. La cheratina fornisce collegamento, forza e protezione allo zoccolo. Le proteine sono costituite da aminoacidi concatenati tra loro. Gli aminoacidi contenenti zolfo (come la metionina e la cistina) sono importanti mattoni per la struttura dello zoccolo. Garantiscono la formazione di proteine cellulari e cheratina e favoriscono un collegamento flessibile tra le cellule del corno dello zoccolo. Per una crescita e uno sviluppo ottimali dello zoccolo è necessaria un'energia sufficiente. Gli zoccoli richiedono una quantità relativamente elevata di energia prontamente disponibile (principalmente dalla fermentazione delle fibre) rispetto ad altri tessuti. - Vitamine A, B6 e B8 Oltre all'energia e alle proteine, anche diverse vitamine e oligoelementi sono importanti per prevenire la fragilità degli zoccoli. La vitamina B6 è molto importante nel metabolismo degli aminoacidi. Poiché le proteine svolgono un ruolo importante per la salute degli zoccoli, anche la vitamina B6 svolge indirettamente questo ruolo. Anche, La vitamina A è importante per la salute degli zoccoli. La vitamina A è una vitamina che deve essere ottenuta attraverso gli alimenti, poiché l'organismo non può produrla da solo. La vitamina A svolge un ruolo nella divisione cellulare e una sua carenza può portare a malattie coronariche. Una terza vitamina che ha un effetto sulla qualità degli zoccoli è la vitamina B8, meglio conosciuta come biotina. La biotina è una vitamina normalmente prodotta dai batteri del colon. La biotina corregge le irregolarità nella struttura del corno dello zoccolo e migliora la qualità del corno disturbato. - Oligoelementi rame e zinco Gli oligoelementi che svolgono un ruolo nella prevenzione della fragilità degli zoccoli sono il rame e lo zinco. Il rame influisce sulla resistenza della parete esterna dello zoccolo ed è una parte importante degli enzimi che proteggono le membrane cellulari. Lo zinco è necessario per la costruzione delle cellule della parete dello zoccolo e fa parte degli enzimi necessari per la sintesi della cheratina. Inoltre, lo zinco è un antiossidante. Il foraggio grezzo può contenere troppo poco rame e zinco. In tal caso è necessario integrare con un equilibratore, un concentrato o un integratore mirato. Biotina per zoccoli forti La biotina, vitamina B8, è una vitamina idrosolubile. Ciò significa che questa vitamina non può essere immagazzinata dall'organismo. Le ricerche hanno dimostrato che un integratore di biotina ha un effetto positivo nell'uomo sulle unghie fragili e su varie condizioni della pelle. Nei cavalli sono stati condotti solo pochi studi sull'efficacia della biotina. I risultati di questi studi variano molto. La biotina viene utilizzata nei cavalli con zoccoli secchi, fragili e friabili o con altri problemi agli zoccoli. Cosa cercare in un integratore di biotina? Il vantaggio della biotina è che si tratta di un integratore sicuro. Non c'è rischio di sovradosaggio e non è pericoloso se il cavallo ne ingerisce più del necessario. Non sono stati osservati nemmeno effetti collaterali negativi. Tuttavia, il fabbisogno esatto di biotina per i cavalli non è molto chiaro perché diversi fattori influenzano il manto e gli zoccoli. Tenete presente che dovete somministrare quotidianamente la biotina al vostro cavallo per un lungo periodo di tempo per vedere un effetto. Si ipotizzano dai sei ai nove mesi prima di poter affermare che la qualità degli zoccoli sia realmente migliorata. Con un integratore di biotina è importante ricordare che non si tratta solo del contenuto di biotina! Per sostenere la qualità ottimale delle corna, la ricerca ha dimostrato che la giusta combinazione di biotina, rame, zinco e aminoacidi essenziali (come la metionina) è più efficace di una dose elevata di sola biotina. In Pavo BiotinForte, queste proporzioni sono esattamente abbinate, in modo da fornire un supporto ottimale con un unico prodotto! Consigli per gli zoccoli secchi Le lettiere delle stalle polverose, secche e sabbiose, contaminate da ammoniaca, insieme ai paddock asciutti, eliminano l'umidità dagli zoccoli. Con i consigli che seguono è possibile affrontare il problema degli zoccoli secchi: Create una zona umida intorno alla ciotola dell'acqua nel prato. Quando il cavallo viene a bere, si ferma sempre sul terreno umido/bagnato per un po'. Durante un periodo di siccità, bagnate quotidianamente le zampe del cavallo, ad esempio spruzzandolo dopo aver cavalcato, facendo un pediluvio o avvolgendo un pannolino umido intorno allo zoccolo. È meglio non mettere grasso o olio sui piedi asciutti, perché in questo modo diventano idrorepellenti e non assorbono più l'umidità. Tuttavia, può essere utile bagnare bene i piedi e poi applicare uno strato di olio o di grasso sullo zoccolo per trattenere l'umidità un po' più a lungo. Fate fare al vostro cavallo un sufficiente esercizio fisico, che stimola la circolazione sanguigna. In questo modo gli zoccoli vengono riforniti di sostanze nutritive e ossigeno. Visite regolari da parte di un maniscalco professionista. Fornire una dieta equilibrata con una quantità sufficiente di aminoacidi essenziali, energia, vitamina A, vitamina B6, vitamina B8, rame e zinco.
Leggi di più 4m
Alimentazione e salute
Erba medica per cavalli, a cosa bisogna prestare attenzione?
Somministrare erba medica al cavallo può essere salutare perché ha proprietà uniche. Per quali cavalli è adatta e per quali meno? E come gestire l'elevato contenuto proteico e il rapporto calcio-fosforo sbilanciato? L'erba medica è una coltura che può essere aggiunta alla razione giornaliera di molti cavalli (ma non di tutti!). È ampiamente utilizzata come fonte di fibre da mescolare al concentrato. Di conseguenza, i cavalli masticano meglio il cibo. In linea di principio questo va bene, ma l'erba medica ha una serie di proprietà di cui bisogna tenere conto. Proprietà degne di nota dell'erba medica Basso contenuto di zucchero Il fieno medio contiene circa il 10-15% di zuccheri. L'erba medica, invece, contiene in media solo il 3% di zuccheri. Anche quando all'erba medica viene aggiunta della melassa (leggete qui sotto perché a volte succede), il contenuto di zuccheri rimane molto basso. Alto contenuto di proteine L'elevato contenuto proteico dell'erba medica (circa il 16%) è un dettaglio importante da notare. Va bene per i cavalli sportivi che lavorano molto e hanno bisogno di costruire muscoli. Tuttavia, per la maggior parte degli altri cavalli è più del necessario. Per questo motivo, l'erba medica viene spesso mescolata con fieno o paglia tritati, per esempio in Pavo DailyPlus. Di conseguenza, la percentuale di proteine scende al 10,5%. Effetto positivo sulle ulcere gastriche La struttura dell'erba medica invita a una buona masticazione. In quanto tale, è una buona misura per prevenire lo sviluppo di ulcere gastriche. Contiene inoltre molto calcio, che aiuta a neutralizzare i succhi gastrici. Di conseguenza, impedisce una forte acidificazione dello stomaco e contribuisce a mantenere sano il rivestimento dello stomaco. L'effetto positivo si applica al fieno di erba medica, ai pellet di erba medica e all'erba medica lavorata (macinata molto finemente come in Pavo FibreBeet), ma non per l'erba medica tritata grossolanamente. È meglio evitare quest'ultima nei cavalli che sono inclini alle ulcere gastriche o che hanno ulcere gastriche. È adatto per cavalli a partire da 1 anno (non per i puledri). Per quali cavalli è adatta l'erba medica? I cavalli giovani in crescita, i cavalli sportivi, le giumente in lattazione e i cavalli anziani e magri possono avere bisogno di energia e nutrienti extra. L'erba medica è quindi un integratore molto adatto. Quando si aggiungono quantità maggiori al giorno (più di 2 kg), è necessario compensare il rapporto calcio-fosforo alterato aggiungendo un integratore, semi di lino o crusca. È anche possibile scegliere un concentrato bilanciato e mescolarlo con erba medica o Pavo DailyPlus per ottenere più struttura e proteine supplementari. In linea di principio, l'erba medica sarebbe adatta ai cavalli sensibili agli zuccheri, ad esempio quelli affetti da laminite, insulino-resistenza e EMS, grazie al suo basso contenuto di zuccheri. Ma attenzione, in tal caso bisognerebbe somministrarla come sostituto del foraggio grezzo e il suo contenuto proteico è troppo elevato per farlo. Questi cavalli traggono maggiori benefici da un foraggio grezzo a basso contenuto di zuccheri ed eventualmente da un'integrazione con Pavo SpeediBeet  (che contiene solo il 5% di zuccheri e nessun amido) o Pavo Fibrebeet (5% di zuccheri e 3% di amido), che viene anche integrato con un equilibratore di vitamine e minerali, come ad esempio Pavo Vital o Pavo DailyFit   biscotti, e/o con Pavo DailyPlus . Quanta erba medica date al vostro cavallo? L'erba medica è un alimento prezioso nella razione, ma quanto se ne deve somministrare? La quantità da somministrare giornalmente dipende dal contenuto proteico del foraggio grezzo, dagli obiettivi che si vogliono raggiungere e dal tipo di cavallo. Se ne date solo qualche manciata come bonus attraverso il concentrato, stimolate solo la masticazione. Se volete davvero fornire energia e proteine extra, è necessario somministrare a un cavallo adulto di 600 kg almeno 1,5 - 3 kg di erba medica. Cioè da 1 a 2 secchi pieni al giorno. In questo caso, per compensare il rapporto calcio-fosforo sbilanciato, è necessario utilizzare integratori speciali per cavalli. L'erba medica è anche ampiamente utilizzata come materia prima nei mangimi per cavalli, sia nel muesli che nelle crocchette. Contiene preziosi nutrienti, molte fibre e pochi zuccheri. Ai cavalli piace molto. Nei mangimi completi, il rapporto calcio-fosforo è già compensato e allo stesso tempo le vitamine e i minerali sono bilanciati nelle giuste quantità. Somministrare erba medica al cavallo: è necessario prestare attenzione a questo aspetto Se volete iniziare a somministrare erba medica al vostro cavallo, ci sono alcune cose da tenere a mente: il metodo di essiccazione (artificiale o al sole; entrambi hanno vantaggi e svantaggi), lo squilibrio tra calcio e fosforo e un'eventuale sensibilità del vostro cavallo alle proteine.  Erba medica essiccata artificialmente Nei Paesi Bassi, la maggior parte dell'erba medica viene essiccata artificialmente, quindi è possibile vedere la polvere nel prodotto finale. Alla maggior parte delle persone questo non piace. Tuttavia, questa sostanza proviene dalle foglie dell'erba medica, che contengono la maggior parte dei nutrienti (aminoacidi essenziali, vitamine e minerali). Gli steli sono costituiti principalmente da fibre meno digeribili. Per evitare che i cavalli inalino questa sostanza, la maggior parte dei produttori setaccia la polvere di foglie e poi la pressa in piccoli pezzi utilizzando della melassa. Questi vengono aggiunti al prodotto finale. In questo modo si preserva il valore nutrizionale della pianta completa. Altri produttori eliminano la polvere delle foglie e lasciano solo gli steli in forma tritata. Tuttavia, anche se il prodotto finale è privo di polvere, i preziosi nutrienti sono scomparsi e gli steli secchi possono pungere la bocca e lo stomaco del cavallo. Ad alcuni cavalli questo non piace. Erba medica essiccata al sole Esiste anche l'erba medica essiccata al sole. Il vantaggio è che contiene meno polvere di foglie, lo svantaggio è che il valore nutrizionale non è costante. Nei mangimi completi questo aspetto viene bilanciato per ogni lotto. Questo non è il caso dell'erba medica pura essiccata al sole. Rapporto calcio-fosforo obliquo Tenete presente che l'erba medica contiene una quantità di calcio doppia rispetto a quella desiderata, vale a dire 4:1 invece di 2:1. Quando si somministrano quantità maggiori di erba medica, è necessario compensare con integratori appositamente sviluppati per questo scopo o con cereali o crusca. Troppo calcio nella dieta ostacola il corretto assorbimento del magnesio. Il magnesio è molto importante per il buon funzionamento dei muscoli.    
Leggi di più 3m
Alimentazione e salute
Olio di lino per cavalli
Olio di lino per cavalli Olio di semi di lino per cavalli Molti proprietari di cavalli somministrano al proprio cavallo una qualche forma di semi di lino o di olio di lino, ma cos'è esattamente l'olio di lino? L'olio di lino, così come altri oli, contiene acidi grassi essenziali. Questi acidi grassi sono noti anche come omega e sono importanti per la salute del cavallo. Gli omega 3 e gli omega 6 sono i principali omega e si trovano entrambi nell'olio di lino. La particolarità di questo olio è l'elevato contenuto di omega 3, che può fornire un buon supporto soprattutto in inverno. Perché usare l'olio di lino per il cavallo? I semi di lino sono un seme di lino oleoso particolarmente ricco di proteine e acidi grassi. Queste proteine favoriscono il recupero e la crescita muscolare. Ma soprattutto gli acidi grassi hanno un effetto positivo sulla salute del cavallo. Anche perché i cavalli non sono in grado di produrre da soli questi acidi grassi, può essere un'aggiunta salutare alla loro dieta.  Innanzitutto, i semi di lino stimolano una sana digestione. Ci sono anche benefici più visibili all'occhio, come il ben noto pelo lucido. Il giusto rapporto tra omega 3 e omega 6 garantisce al cavallo un manto lucido. Questo è anche il motivo per cui molte persone somministrano l'olio di semi di lino durante il processo di spargimento. Un mantello sano, infatti, ha l'effetto di stimolare questo processo. Inoltre, i semi di lino sono noti per i loro effetti antinfiammatori naturali, grazie all'alta percentuale di omega 3 (40-60%). Ciò può aiutare il cavallo a riprendersi più rapidamente, ad esempio, da un'infiammazione. Di conseguenza, l'olio di semi di lino può avere un effetto positivo anche su problemi cutanei come l'eczema estivo. Inoltre, i semi di lino sono una vera e propria fonte di energia per il vostro cavallo, ma nelle piccole quantità in cui li somministriamo, il loro contributo è minimo. Ciò è dovuto principalmente ai grassi extra da cui il cavallo può ottenere molta più energia che dai carboidrati. Semi di lino contro olio di lino L'olio di lino è una scelta migliore rispetto ai semi di lino puri e non cotti. Questo perché durante la digestione dei semi di lino puri viene rilasciato acido cianidrico. Si tratta di un acido tossico che interrompe il trasporto di ossigeno nel sangue. Per evitare che ciò accada, è possibile far bollire i semi di lino prima di somministrarli. Così facendo, l'acido cianidrico viene rilasciato e scompare nell'aria. Un'altra soluzione è l'olio di lino, perché l'acido cianidrico viene rilasciato già durante la spremitura dei semi. Quanto olio di lino somministrare al cavallo? Quando si vuole somministrare l'olio di lino al proprio cavallo, è utile sapere in che quantità è possibile somministrarlo. Come per altri alimenti, è bene introdurre un nuovo integratore con cautela. È consigliabile mescolare l'olio con il mangime concentrato, ad esempio, in modo che il cavallo possa abituarsi con calma al suo sapore. È inoltre importante aumentare gradualmente il dosaggio e fare in modo che il cavallo si abitui agli effetti. Dopo qualche settimana, una linea guida per i cavalli adulti prevede un massimo di 100 ml al giorno. Tuttavia, due cucchiai al giorno sono spesso più che sufficienti per ottenere i benefici desiderati. Un eccesso di olio di lino può provocare diarrea.   Oltre alla quantità di olio di lino, a volte è saggio considerare il periodo dell'anno. L'erba fresca è naturalmente più ricca di omega 3, mentre il concentrato è più ricco di omega 6. Per questo motivo, può avere senso somministrare questo mangime soprattutto nel periodo invernale, quando i cavalli ricevono meno erba fresca, o nei periodi in cui il cavallo ha bisogno di energia extra, come ad esempio durante il periodo di muta.  Olio di semi di lino o di girasole per il vostro cavallo? Oltre all'olio di lino, anche l'olio di girasole è un integratore che contiene acidi grassi essenziali. La differenza principale sta nel rapporto tra omega 3 e omega 6. Come già detto, l'olio di lino contiene più omega 3, mentre l'olio di girasole ne contiene di più. Come già detto, l'olio di lino contiene più omega 3, a differenza dell'olio di girasole che contiene più omega 6. I cavalli che mangiano un quantitativo (sufficiente) di concentrato spesso ricevono già una quantità sufficiente di omega 6. Un eccesso di omega 6 può avere effetti negativi, per cui l'olio di lino è spesso una scelta migliore. Un altro svantaggio dell'olio di girasole è che spesso viene raffinato e i grassi possono essere dannosi. 
Leggi di più 2m
Alimentazione e salute
Olio Omega per cavalli
Olio Omega per cavalli Oggi sempre più persone si chiedono se sia necessario integrare la dieta del proprio cavallo con supplementi come gli oli. L'aggiunta di grassi alla dieta standard di un cavallo presenta diversi vantaggi, ma non è sempre necessaria e dipende da altre fonti alimentari. Alcuni grassi essenziali possono essere già presenti nella dieta del cavallo. L'erba fresca, ad esempio, è ricca di omega 3 e il concentrato spesso contiene una quantità sufficiente di omega 6 (perché è l'acido grasso più comune nei cereali). Perché l'olio di omega per il vostro cavallo? Esistono tre diversi tipi di acidi grassi: gli omega 3, gli omega 6 e gli omega 9. Gli omega 3 e gli omega 6 sono considerati acidi grassi essenziali, il che significa che l'organismo non è in grado di produrli da solo ma dipende dall'apporto della dieta. Questi acidi grassi hanno diversi benefici per la salute dell'organismo del cavallo. Gli acidi grassi proteggono i tessuti, le cellule e gli organi sani. Aiutano la digestione, la produzione di pigmento rosso del sangue e l'assorbimento delle proteine. Gli acidi grassi hanno anche un effetto antinfiammatorio, aiutano a difendersi dalle infezioni, a costruire e recuperare i muscoli e contribuiscono alla salute del mantello e degli zoccoli. Esistono anche studi che dimostrano che contribuiscono alla produzione di sperma sano, rendendo gli stalloni più fertili sulla base degli omega 3. Inoltre, si dice che i puledri siano meno stressati dopo lo svezzamento grazie al consumo di alimenti ricchi di acidi grassi. Omega 3, 6 e 9 per il cavallo: a cosa prestare attenzione? Come già detto, esistono tre tipi di acidi grassi omega: gli omega 3, 6 e 9. Questi diversi acidi grassi hanno ciascuno un effetto diverso. Ognuno di questi acidi grassi ha un effetto diverso. L'omega 3 funziona come antiossidante, ha un effetto antinfiammatorio e aumenta la resistenza e la salute generale del cavallo. Un cavallo con un'infiammazione, come l'eczema estivo, può sicuramente utilizzare un integratore di omega 3. Gli acidi grassi omega 6 hanno un effetto positivo sul mantello e sulle articolazioni dei cavalli. Un mantello scadente e una ridotta resistenza sono quindi segni di una carenza di acidi grassi essenziali. Ma il cavallo può anche assumere una quantità eccessiva di omega 6; un eccesso può infatti avere un effetto pro-infiammatorio, che è ovviamente indesiderabile. Infine, gli acidi grassi omega 9 contribuiscono a un sano equilibrio ormonale. Una particolarità degli omega 9 è che i cavalli sono in grado di produrli da soli. Per assicurarsi che il cavallo assuma il giusto rapporto di acidi grassi, è importante individuare quali altri alimenti riceve. In generale, si raccomanda un rapporto di omega 3, 6 e 9 pari a 2:1:1. I cavalli che mangiano più erba fresca, ad esempio quando sono all'aperto in estate, assumono naturalmente più omega 3. Quando l'erba viene essiccata e trasformata in fieno, la maggior parte degli omega 3 viene persa. I mangimi a base di cereali, come il muesli e il bik, invece, contengono spesso oli vegetali come l'olio di girasole. Gli oli vegetali contengono naturalmente molti omega 6, il che può portare il vostro cavallo ad assumere un eccesso di omega 6 e una carenza di omega 3. L'olio di semi di lino è un'alternativa perfetta, ad alto contenuto di omega 3, e può quindi essere utilizzato per bilanciare gli acidi grassi.  Olio visivo o olio di omega per il vostro cavallo? Dipende dal cavallo e dalla sua dieta attuale quale tipo di integratore di oli è più adatto.  Un olio generico contenente omega 3, 6 e 9 potrebbe essere una buona scelta. Tuttavia, a seconda della dieta del cavallo, un olio con una percentuale più alta di omega 3 potrebbe essere più appropriato. I cavalli che ricevono molti mangimi concentrati e non hanno quasi mai erba fresca a disposizione nei mesi invernali possono avere una carenza di omega 3. Si tratta soprattutto di cavalli sportivi. Si tratta soprattutto di cavalli sportivi. Alcune ricerche hanno dimostrato che i cavalli sportivi a cui vengono somministrati integratori di omega 3 mostrano effetti positivi. Per esempio, hanno misurato livelli di colesterolo più bassi e una frequenza cardiaca inferiore durante l'esercizio. A lungo termine, ciò si traduce in una minore acidificazione dei muscoli e in una migliore concentrazione.  L'olio di lino, l'olio di colza e l'olio di pesce sono esempi di oli che contengono una percentuale maggiore di omega 3. Il vantaggio dell'olio di pesce è che contiene forme speciali di acidi omega 3 (EPA e DHA) che possono essere utilizzati direttamente dal cavallo senza dover essere convertiti nell'organismo, il che è molto più efficiente. Il vantaggio dell'olio di pesce è che contiene forme speciali di acidi omega 3 (EPA e DHA) che possono essere utilizzate direttamente dal cavallo senza essere prima convertite nell'organismo, il che è molto più efficiente. Un importante svantaggio dell'olio di pesce per cavalli è che il suo sapore è spesso un problema per i nostri cavalli schizzinosi.
Leggi di più 2m
Alimentazione e salute
Qual è la differenza tra Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate?
Qual è la differenza tra Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate? Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate sono entrambi integratori per cavalli che sudano e/o devono lavorare molto. Entrambi contengono elettroliti - i sali che i cavalli perdono quando sudano - ma ognuno di essi ha una funzione diversa. In questo articolo vi spieghiamo le differenze. Cosa sono gli elettroliti? Proprio come noi umani, oltre all'umidità, un cavallo che suda perde sali corporei come sodio, potassio, cloruro, calcio e magnesio. Questi sono chiamati anche elettroliti. Queste sostanze svolgono un ruolo indispensabile nel mantenere stabile l'acidità del sangue e quindi il funzionamento di tutti gli organi, compresi i muscoli. Per il funzionamento ottimale del cavallo, è quindi importante reintegrare tempestivamente i sali corporei persi. Sapevate che i cavalli che sudano normalmente (bagnati sotto la sella e con alcuni punti di schiuma alle redini e tra le zampe posteriori) perdono già 12-16 cucchiaini di sale? Per saperne di più sulla quantità di sale che i cavalli perdono quando sudano. Come si fa a sapere quando reintegrare il sale? Se non si reintegrano i sali in tempo, può verificarsi una carenza. Lo si può notare nella resistenza del cavallo: diventa letargico, svogliato e trascina i talloni. In caso di carenze gravi c'è persino il rischio di disidratazione e coliche. Notate che il vostro cavallo non riesce più a stare al passo con il lavoro ed è letargico?  Se è così, è molto probabile che sia necessario integrare il sale. Questo può essere fatto con un blocco di sale o un leccalecca, ma è meglio somministrare elettroliti specifici per cavalli, come Pavo E'lyte o Pavo ReHydrate. Pavo E'lyte: elettroliti per una resistenza ottimale. Pavo E'lyte è un integratore completo di elettroliti realizzato in pezzi molto piccoli.  Contiene tutti i sali corporei necessari (elettroliti) nelle giuste proporzioni. Le proporzioni sono particolarmente importanti per una buona integrazione e un buon assorbimento! Adatto per: Cavalli (sportivi) e pony che sudano. È adatto a tutte le discipline. Consigli per l'alimentazione: è possibile somministrare Pavo E'lyte prima, durante e dopo il lavoro. Per i lavori leggeri sono sufficienti 100 grammi al giorno. In caso di sforzi intensivi, quando si suda molto e/o fa molto caldo, si può aumentare a 200 grammi al giorno. Per un pony, somministrare la metà della quantità. Suggerimento: mescolare Pavo E'lyte con slobber o Pavo FibreBeet. In questo modo, il vostro cavallo mangerà sicuramente un alimento gustoso e otterrà immediatamente un'idratazione extra. È ideale anche per le competizioni! Pavo E'lyte è una miscela elettrolitica completa per reintegrare i sali persi con la sudorazione. Pavo ReHydrate: bevanda sportiva per un recupero rapido Pavo ReHydrate è una bevanda sportiva (liquida) per i veri atleti di punta! Si tratta di una bevanda sportiva concentrata con elettroliti e glucosio che, insieme, assicurano al cavallo un rapido recupero dopo un esercizio fisico intenso. La giusta combinazione di elettroliti e l'alta percentuale di glucosio rendono questo prodotto così unico. Non solo assicura un recupero diretto dell'equilibrio elettrolitico, ma reintegra anche l'energia. Inoltre, l'assunzione di ReHydrate stimola la sete naturale, in modo che il cavallo beva più rapidamente e ripristini il suo naturale equilibrio di idratazione. Indicato per: cavalli sportivi dopo un intenso esercizio fisico e dopo una perdita di molti elettroliti dovuta a una forte sudorazione. Adatto anche per cavalli da trasporto e per cavalli che presentano sintomi di disidratazione. Pavo ReHydrate è ampiamente utilizzato negli sport di resistenza, come l'eventing. Consigli per l'alimentazione: somministrare Pavo ReHydrate dopo l'esercizio fisico, ad esempio un allenamento intenso o una gara. Si può sciogliere nell'acqua da bere, mescolare al cibo o somministrare direttamente in bocca con una siringa. Molto importante: in ogni caso, assicuratevi che il vostro cavallo abbia accesso ad acqua potabile sufficientemente fresca e pulita! Il dosaggio dipende dal metodo di alimentazione e dall'intensità del lavoro. Consultare le istruzioni per la somministrazione di Pavo ReHydrate. Pavo ReHydrate è una bevanda sportiva per veri atleti di alto livello, somministrata dopo un duro lavoro per favorire un rapido recupero! È possibile combinare Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate? Assolutamente! Se siete appassionati di attività sportive con il vostro cavallo, partecipate a sport di resistenza e/o siete regolarmente in viaggio con il trailer, la combinazione di Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate è molto valida. In questo modo è possibile offrire una cura sportiva completa: somministrate Pavo E'lyte prima del lavoro per ottenere la massima resistenza e successivamente mescolate Pavo ReHydrate all'acqua da bere, al cibo o spruzzatelo direttamente in bocca per un rapido recupero di elettroliti, liquidi ed energia. Quindi la differenza tra Pavo E'lyte e Pavo ReHydrate è: -crocchette     vs. bevande (liquidi) -Elettroliti     vs. elettroliti e glucosio -Prima del     lavoro o dopo il lavoro
Leggi di più 2m
Alimentazione e salute
La Sindrome di Cushing nei cavalli anziani
La malattia di Cushing, o PPID, si manifesta principalmente nei cavalli anziani. A causa di questa malattia, la ghiandola pituitaria del cavallo è danneggiata e rilascia troppi ormoni. Questo provoca, tra l'altro, il tipico pelo riccio. Siete curiosi di sapere come riconoscere la malattia di Cushing nel vostro cavallo e come affrontarla? Sindrome di Cushing La Cushing, in breve PPID, è una malattia dell'invecchiamento che provoca un'alterazione dell'ipofisi del cavallo. A causa di questo disturbo, la ghiandola pituitaria del cervello rilascia troppi ormoni, causando uno squilibrio ormonale nel cavallo. Questo provoca, tra l'altro, il tipico pelo riccio. Sempre più proprietari di cavalli sanno che i cavalli, soprattutto quando invecchiano, possono ammalarsi di malattia di Cushing. Riconoscere la Cushing nel cavallo La sindrome di Cushing nei cavalli è facilmente riconoscibile dal pelo lungo e arricciato e dallo scarso spargimento di pelo nella fase avanzata della malattia. Tuttavia, i sintomi non sono sempre evidenti. Il vostro cavallo è fiacco e fatica a lavorare bene? La riduzione delle prestazioni può essere uno dei primi sintomi della malattia. Altri sintomi comunemente riscontrati sono l'eccesso di bere e di urinare, una maggiore suscettibilità alle infezioni, una diminuzione della fertilità, la perdita di massa muscolare, la forma della pancia e una sudorazione anomala. Complicanze della sindrome di Cushing In particolare, la laminite è una complicanza temuta della PPID. L'alterazione dell'equilibrio ormonale altera anche il metabolismo degli zuccheri, rendendo il cavallo particolarmente sensibile a una razione ricca di zuccheri. In autunno, la PPID è addirittura la causa della laminite in circa il 70% dei casi. Inoltre, la difesa dalle infezioni è influenzata negativamente da questa alterazione. Aspettativa di vita al PPID Se a un cavallo o a un pony viene diagnosticata in tempo la PPID, spesso può durare per molti anni se si adottano le giuste misure. Soprattutto se la laminite, conseguenza della malattia di Cushing, può essere prevenuta, perché in ultima analisi è questa a minacciare maggiormente la qualità della vita. Ho un cavallo Cushing? Sebbene il rischio della malattia sia minore in un cavallo giovane, la malattia può svilupparsi a partire dall'età di sette anni. Negli ultimi anni è diventato molto più facile condurre una ricerca adeguata sulla malattia. Un singolo campione di sangue è già sufficiente per determinare l'ormone ACTH, con il quale è possibile effettuare una diagnosi affidabile. L'autunno è il momento migliore per far eseguire questo esame dal veterinario, poiché i cavalli con PPID hanno un livello ematico di ACTH relativamente molto più alto rispetto ai cavalli senza la malattia. Ma il test può essere effettuato anche al di fuori di questo periodo. Trattamento PPID Sebbene la malattia di Cushing non sia ancora curabile, le conseguenze negative possono essere prevenute a lungo termine e in modo efficace con i farmaci. Questi farmaci garantiscono l'inibizione della produzione ormonale dell'ipofisi, prevenendo così laminiti, letargia e alterazioni del mantello. Inoltre, l'adeguamento della gestione è un elemento importante per contribuire a una lunga vita del cavallo affetto da PPID. In particolare, è necessario pensare alla regolazione della dieta e del pascolo. Ad esempio, un cavallo con PPID può trarre beneficio da una dieta priva di cereali. Ad esempio, Pavo WeightLift è una buona opzione per i cavalli anziani che hanno problemi a mantenere il peso. È privo di cereali e a basso contenuto di zuccheri. Un effetto collaterale del farmaco può essere la perdita di appetito. È quindi possibile che il cavallo o il pony non voglia più mangiare un determinato alimento da un giorno all'altro. Ci vuole quindi un po' di tempo per trovare qualcosa che piaccia di nuovo e che sia il più povero possibile di zuccheri. Cushing e alimentazione Quando il cavallo è affetto da Cushing, è particolarmente sensibile agli zuccheri a causa dell'alterazione del metabolismo degli zuccheri. Il consiglio è quindi quello di far analizzare il foraggio grezzo per verificare almeno il contenuto di zuccheri. Se si scopre che il foraggio grezzo, che è di gran lunga la quota maggiore della razione totale, contiene un alto valore di zuccheri, questo può essere un motivo per passare a un'altra partita di foraggio grezzo (a basso contenuto di zuccheri). Se è necessaria un'integrazione supplementare, si può anche optare per un concentrato a basso contenuto di zuccheri, come ad esempio Pavo 18Plus combinato con un prodotto a basso contenuto di zucchero Pavo SpeediBeet. Per quanto riguarda il pascolo, è necessario tenere conto anche degli zuccheri e quindi della I fruttani nell'erba tenere in considerazione.  
Leggi di più 2m
Alimentazione e allevamento
Arriva il puledro: tutto quello che c'è da sapere!
Arriva il puledro: tutto quello che c'è da sapere! C'è qualcosa che dà più gioia di una cavalla e di un puledro al pascolo? La cavalla è agli ultimi giorni prima del parto e il parto è imminente. Un momento emozionante! Ma come si fa a sapere che la cavalla si sta preparando? E cosa è importante durante e subito dopo il parto? Prima del parto Non tutte le cavalle con il puledro mostrano gli stessi segni che indicano l'imminenza del parto. In genere, quando la mammella della cavalla si riempie, si forma un avvallamento su entrambi i lati della base della coda e appaiono perle di cera all'estremità di ogni capezzolo, il parto potrebbe essere a poche ore di distanza. Assicuratevi di avere pronti o disposti i seguenti elementi per essere preparati al meglio per il parto: Verso la fine della gestazione, preparate un sistema di allarme per la nascita. Installate una webcam, in modo da poter controllare la vostra cavalla anche da casa. Preparate un grande box di parto pulito e pronto, con una spessa lettiera di paglia, in modo che la cavalla possa sdraiarsi comodamente. In alternativa, preparate un recinto sicuro. Assicuratevi che ci sia abbastanza luce nella stalla (lasciate una lampada accesa anche di notte). Annotate i numeri di telefono utili, come quello del veterinario o di qualcuno che possa accompagnarvi in caso di necessità di portare la cavalla e/o il puledro in una clinica. Assicuratevi di avere un po' di colostro congelato nel vostro freezer, o un kit SOS Pavo, nel caso in cui qualcosa vada storto con la cavalla, o se il puledro non vuole bere. Mettete una benda sulla coda della cavalla, in modo da poter osservare correttamente l'intero processo. È inoltre necessario preparare: asciugamani, un secchio pulito, iodio Povidone e shampoo allo iodopovidone, una pinza per il cordone ombelicale e un paio di forbici. Durante il parto Quando la cavalla inizia a partorire e la membrana amniotica è visibile, controllate se la posizione del puledro è corretta. Controllate se riuscite a sentire le due zampe anteriori e la testa. In caso contrario, il puledro potrebbe trovarsi in una posizione sbagliata. Fate alzare la cavalla e chiamate immediatamente il veterinario. Le prime 24 ore dopo il parto Le prime 24 ore di vita di un puledro sono cruciali. È importante controllare una serie di aspetti (vedi tabella 1). Dopo la nascita, per la resistenza alle malattie, il puledro dipende completamente dagli anticorpi presenti nel primo latte di cavalla, chiamato anche colostro. Solo nelle prime 24 ore, gli anticorpi possono passare attraverso la parete intestinale del puledro ed essere assorbiti nel flusso sanguigno. Se il puledro non vuole bere, se la cavalla soffre di mastite o è morta, il colostro congelato o il kit Pavo SOS contenente colostro artificiale possono offrire una soluzione se proprio non funziona.   Tabella 1: Cosa succede con un puledro sano? Un puledro sano: all'interno in piedi < 1 - 2 ore allatta < 2 - 4 ore Urina < 8 ore Assunzione di umidità < 12 ore Passare il meconio < 12 - 24 ore   Un puledro orfano È l'incubo di ogni allevatore: i problemi durante il parto. È importante sapere cosa fare e chi contattare in caso di problemi. Controllate prima se ci sono gruppi o pagine Facebook per le fattrici in affidamento e i puledri orfani. Se la cavalla o il puledro non dovessero sopravvivere al parto, controllate queste pagine. Attraverso queste pagine, si può cercare di organizzare un'adozione. Se avete bisogno di una cavalla surrogata che ha perso il puledro, verificate quale sia stata la causa. Se si sospetta una malattia, è meglio non collocare il puledro. Prendete buoni accordi prima del collocamento e metteteli per iscritto. Esistono sistemazioni in cui diversi puledri orfani vengono collocati insieme. Un'altra soluzione potrebbe essere una cavalla che non ha partorito un puledro, ma che lattificherà dopo un trattamento speciale. Di solito, in questa situazione, il puledro orfano viene accettato più facilmente. Durante la stagione dei puledri, alcune cliniche veterinarie hanno a disposizione cavalle adottive che possono essere portate a casa con il puledro dal momento dell'adozione a quello dello svezzamento, permettendo al puledro di crescere nel suo ambiente.  Svezzamento del puledro La maggior parte dei puledri viene svezzata tra i cinque e i sei mesi d'età, quando mangia in modo indipendente bilanciere/pellet per puledri e foraggio. Leggi qui ulteriori informazioni sull'alimentazione del puledro. Per consentire alla lattazione di asciugarsi gradualmente, è opportuno ridurre della metà la quantità di concentrati della cavalla. Tre giorni prima dello svezzamento previsto, il mangime concentrato dovrebbe essere ridotto del tutto. Assicuratevi che la cavalla faccia anche sufficiente esercizio fisico. Sverminazione del puledro È consigliabile sverminare il puledro tra il quarto e l'ottavo giorno di vita. L'operazione va ripetuta dopo quattro-sei settimane. In seguito, in consultazione con il veterinario, si può mantenere un normale programma di sverminazione. Nota: la pasta per la sverminazione deve essere adatta ai puledri.
Leggi di più 3m