Pagamento sicuro con Visa

Consegna conveniente

Mangimi in sacchi e mangimi supplementari

Dr. Patricia Sitzenstock
7 november 2022 Tempo di lettura 3 minuti

Cavalla gravida: alimentazione e travaglio

Cavalla gravida: alimentazione e travaglio

Per ogni allevatore, la primavera è un momento emozionante, ma anche ansioso. In vista del parto, è bene pensare alle esigenze alimentari della cavalla prima e dopo il parto, quando è in piena lattazione. E che dire della monta di una cavalla gravida?


La fertilità e la cavalla
In genere, una cavalla inizia il suo ciclo all'inizio della primavera e va in calore ogni tre settimane fino a settembre. Il periodo fertile della cavalla dura da 3 a 7 giorni. Se la cavalla non riesce a risparmiare energia sufficiente, perché è in cattive condizioni o troppo magra, possono verificarsi problemi di fertilità. Oltre alla regolarità della vita quotidiana, a una buona igiene della stalla, a un sufficiente esercizio fisico e a un ambiente privo di stress, le seguenti vitamine e minerali possono avere un effetto positivo sulla fertilità della cavalla:

Beta-carotene (o pro-vitamina A): Il betacarotene favorisce l'inizio del ciclo all'inizio della stagione e la cavalla avrà un calore migliore, inoltre diminuisce il rischio di morte embrionale precoce.

Vitamina E: Una carenza di vitamina E provoca infertilità. Nelle cavalle gravide, la carenza provoca la deformazione del puledro (malattia del muscolo bianco) o l'aborto.

Acido folico: L'acido folico è noto per i suoi effetti positivi sulle donne in gravidanza, ma poco si sa degli effetti sulle cavalle gravide.

Selenio: ha un effetto sulla fertilità simile a quello della vitamina E.

L'integratore alimentare Pavo Fertile contiene, tra l'altro, le sostanze sopra citate e può favorire la fertilità della cavalla.

Cavalla in puledro o in lattazione e foraggio grezzo
L'erba in primavera contiene i nutrienti ideali per le cavalle, tuttavia il foraggio essiccato spesso contiene meno proteine e minerali di quanto si pensi. Inoltre, contiene meno vitamina E rispetto all'erba fresca. Il foraggio con scarso contenuto nutrizionale è sufficiente per i cavalli grassi e le razze resistenti, ma non per una cavalla in lattazione. Molte cavalle hanno accesso all'erba solo a stagione inoltrata e non sempre il pascolo è sufficiente a soddisfare il loro fabbisogno in quei mesi. L'alimentazione con solo foraggio secco non è quindi sufficiente e provoca una carenza di vitamina E, che a sua volta aumenta il rischio di ritenzione della placenta.

Alimentazione della cavalla nel puledro
Durante i primi otto mesi di gestazione, la dieta normale della cavalla è sufficiente, ma negli ultimi tre mesi di gestazione il fabbisogno alimentare della cavalla cambia drasticamente. Durante questi ultimi tre mesi, il puledro nel grembo materno subisce un'importante crescita. I nutrienti necessari per questa crescita vengono trasmessi al puledro nell'utero attraverso il sangue e dopo la nascita attraverso il latte. La carenza di alcuni nutrienti può causare la predisposizione a problemi alle zampe come l'OC o l'OCD. Pavo Podo®Lac è stato sviluppato appositamente per le fattrici in allattamento e per le cavalle in calore e contiene tutte le vitamine, i minerali e gli oligoelementi necessari per uno sviluppo e una crescita ottimali del puledro.

Alimentazione durante la lattazione
Dopo il parto, il fabbisogno di energia e proteine della cavalla aumenta enormemente. Nei primi giorni, la cavalla produce circa otto litri di latte al giorno, che aumentano gradualmente fino a venti litri. Una carenza di proteine è dannosa e provoca una riduzione della produzione di latte e un deperimento muscolare nella cavalla. Una cavalla in lattazione ha letteralmente bisogno del doppio di energia e proteine rispetto a una cavalla senza puledro. Durante i primi tre mesi di lattazione, potete continuare a somministrare alla vostra cavalla Pavo Podo®Lac. A partire dalle tre settimane, il puledro inizierà a mangiare i pellet e, di conseguenza, il rapporto con la cavalla potrà essere gradualmente diminuito. Non appena il puledro è stato svezzato, la cavalla può tornare alla dieta a cui era abituata.

Mettere a dieta le cavalle grasse in età da puledro?
Una cavalla non dovrebbe essere troppo grassa durante la gravidanza. Il motivo è che i puledri delle cavalle grasse crescono più velocemente, il che non è positivo per la qualità delle ossa. Tuttavia, non è saggio mettere a dieta la cavalla dopo il nono mese, poiché il puledro sta attraversando il periodo di maggiore sviluppo. È possibile assicurarsi che non ingrassi e che abbia comunque tutti i nutrienti di cui
ha bisogno, utilizzando l'equilibratore per l'allevamento Pavo Podo®Care al posto del mangime composto per cavalle.

Cavalcare una cavalla in attesa di un puledro
Se non ci sono
ragioni mediche che aumentano il rischio di complicazioni durante la gestazione e il parto, potete continuare ad allenare la cavalla come al solito. Solo negli ultimi mesi di gestazione, la cavalla potrebbe appesantirsi troppo e/o la sua resistenza e flessibilità potrebbero diminuire e dovrete modificare l'intensità del programma di allenamento. La cosa più importante è tenere d'occhio il cavallo e usare i segnali che dà per decidere cosa può ancora fare. D'altra parte, non dovreste smettere di esercitarla all'improvviso: è infatti molto salutare esercitare una cavalla fino agli ultimi giorni di vita, ma non cavalcarla più. Dopo tutto, una buona condizione fisica è una prerogativa per un processo di parto facile.

Leggi di più su:

Alimentazione +Gravidanza +Salute +