Pagamento sicuro con Visa

Consegna conveniente

Mangimi in sacchi e mangimi supplementari

Dr. Patricia Sitzenstock
7 november 2022 Tempo di lettura 4 minuti

Piante, alberi e fiori velenosi per i cavalli

In alcuni pascoli non crescono solo piante e fiori salutari per il cavallo, ma anche piante che possono rappresentare un grande pericolo. In generale, i cavalli sanno bene quali piante sono velenose a causa del loro sapore amaro ma, in alcuni casi, le mangiano comunque. Attualmente sono circa 80 (!) le specie vegetali europee velenose per i cavalli. Queste piante velenose possono causare vari sintomi. Oltre alle piante, anche gli alberi e i fiori sono velenosi per i cavalli.

Come si può proteggere il cavallo da piante, alberi e fiori velenosi?

In primo luogo, la migliore misura di sicurezza è quella di non far pascolare il cavallo in un pascolo che non sia stato accuratamente ispezionato in precedenza. La maggior parte delle piante velenose ha un sapore molto amaro, quindi i cavalli di solito non le mangiano rapidamente. Quando l'erba del pascolo è troppo poca e/o il cavallo ha a disposizione troppo poco foraggio, può comunque accadere che mangi altre piante che non gli piacciono e che possono essere velenose. Inoltre, alcune piante sviluppano un sapore velenoso solo quando la pianta è completamente cresciuta.

Inoltre, le piante velenose perdono il loro sapore amaro quando vengono essiccate. Ciò significa che il cavallo non sempre riconosce le piante velenose come tali, mentre l'effetto del veleno non viene meno. Ecco perché gli scarti di potatura sono sempre molto pericolosi da dare al cavallo, ma anche il fieno dove il pascolo non è stato controllato per le piante velenose. Non date mai scarti di potatura al vostro cavallo e informate i residenti della zona. Non acquistate mai fieno da una fonte non affidabile o da un prato ai bordi della strada!

Inoltre, osservate bene i dintorni del prato. Quali alberi si trovano vicino al prato e sono velenosi? E il vostro cavallo è in grado di percepirlo?

Avete scoperto una pianta o un fiore velenoso nel pascolo dei cavalli?

Quindi rimuovetelo il prima possibile. Assicuratevi di estrarla dal terreno, con tutte le radici. Inoltre, non dimenticate che le piante velenose hanno periodi di fioritura diversi e non rimangono sempre nello stesso posto ma, a volte, "vagano" anche nel prato. Un controllo del pascolo una tantum non è quindi sufficiente. È importante farlo regolarmente. Quando ci sono alberi o arbusti velenosi vicino al pascolo, è bene assicurarsi che i cavalli non possano raggiungerli e che il pascolo sia (parzialmente) chiuso durante il periodo in cui rilasciano le foglie o i frutti.

Suggerimento: assicuratevi che il vostro cavallo non raccolga piante sconosciute mentre è in sella. In condizioni di lavoro, i cavalli sono distratti e quindi scelgono il cibo in modo meno selettivo o istintivo. Questo aumenta il rischio di avvelenamento!

Cavalli e artemisia

L'artemisia è una delle piante velenose più note per i cavalli. Questa pianta cresce molto bene, soprattutto da giugno a ottobre, su un terreno argilloso arricchito di azoto. L'Erba di Natale non perde la sua tossicità dopo l'essiccazione! È quindi importante controllare anche il fieno per verificare la presenza di questa erba. Una volta che il cavallo ha ingerito l'artemisia, uno dei sintomi principali è il danno epatico. I danni al fegato sono causati dagli alcaloidi della pianta. Anche l'apatia, la depressione, la perdita di appetito e la perdita di peso sono sintomi riconoscibili dell'avvelenamento da artemisia.

L'erba di Giacobbe è letale per i cavalli?

Se un cavallo ingerisce l'artemisia per un lungo periodo di tempo, piccole quantità possono già avere conseguenze importanti. L'artemisia è letale se un cavallo adulto mangia 14 kg di erba fresca o 2 kg di erba secca. Per un piccolo pony valgono 4 kg di pianta fresca o 0,5 kg di pianta secca. Quindi fate attenzione! L'artemisia si riconosce nei prati per i suoi fiori gialli.

Cavalli ed equiseto

L'equiseto è un'erba molto velenosa per i cavalli. Vive in luoghi umidi e fiorisce nei mesi di aprile e maggio. I sintomi principali dell'avvelenamento da equiseto sono: aumento dell'irritabilità, barcollamento, paralisi dei quarti posteriori, nervosismo e caduta. Questi sintomi sono causati dalla sostanza velenosa, la tiaminasi, presente nell'equiseto. Questa sostanza scompone la vitamina B1 nell'organismo del cavallo. L'equiseto è meno tossico in forma essiccata rispetto al pascolo, ma può comunque causare gravi danni. Anche in questo caso è importante controllare il fieno!

Quali piante, alberi e fiori sono più tossici per i cavalli?

Oltre all'artemisia e all'equiseto, molte altre specie di piante e alberi sono velenose per i cavalli e nuove piante vengono costantemente aggiunte a questo elenco. In generale, gli alberi e gli arbusti che rimangono verdi in inverno possono essere classificati come velenosi, ma ce ne sono molti altri. Se si parla di piante altamente velenose in piccole quantità, il bosso, il tasso e l'acero sono sicuramente importanti da tenere d'occhio. Tra le piante, gli alberi e i fiori velenosi in misura minore, ma certamente non adatti al consumo da parte dei cavalli, vi sono i seguenti:

  • Acaciaboom
  • Bracken
  • Azalea
  • Trifoglio bastardo
  • Belladonna
  • Hogweed
  • Faggio 
  • Dolceamaro
  • Monachella blu
  • Ranuncolo
  • Freno
  • Datura
  • Quercia
  • Cicuta e cicuta d'acqua
  • Pioggia d'oro
  • Senza tempo
  • Pista per cani
  • Papavero
  • Edera
  • Albero della vita
  • Ligustri
  • Ombra notturna
  • Narciso
  • Rododendro
  • Robinia
  • Oleandro
  • Pieris
  • Comfrey
  • Ditale
  • Latte di lupo
  • Giusquiamo nero

 

Nota: questo non è un elenco completo. Come precauzione, il nostro consiglio è, in caso di dubbio sulla tossicità di una pianta o di un albero, di non farla mangiare al vostro cavallo.

Cosa fare se il cavallo ha mangiato una pianta velenosa?

Purtroppo, l'avvelenamento da piante nei cavalli non è raro e non è sempre prevenibile al 100%. Dopo l'avvelenamento possono manifestarsi diversi sintomi, a seconda della quantità e del tipo di veleno. I sintomi più importanti per riconoscere un avvelenamento sono: problemi digestivi, gonfiore, irritazione cutanea, respiro corto, tremori, coliche, salivazione eccessiva, disturbi dell'equilibrio, paralisi o morte.

In caso di avvelenamento acuto, di solito il cavallo reagisce immediatamente dopo aver ingerito il veleno. Nell'avvelenamento cronico il veleno si accumula nel corpo del cavallo e i segni della malattia diventano gradualmente visibili. Se vedete o sospettate che il vostro cavallo abbia mangiato una pianta velenosa, chiamate immediatamente il veterinario. Per la diagnosi e il trattamento è importante sapere quale e quanta pianta ha mangiato il cavallo. Il veterinario può iniziare rapidamente il trattamento giusto.

Piante, alberi e fiori non tossici

Ci sono anche molte piante che molti pensano siano velenose, ma che in realtà rientrano tra le piante non tossiche. Pensiamo ad esempio al platano, al cespuglio delle farfalle, all'ortica viola morta e alla lavanda.

Esistono anche piante commestibili, fiori, alberi ed erbe salutari per i cavalli. Le erbe nel pascolo dei cavalli possono avere un effetto benefico sui processi corporei.
Alcuni esempi di piante ed erbe commestibili nel pascolo dei cavalli sono: Tarassaco, prezzemolo, trifoglio bianco e rosso, camomilla, margherita, cardo.

Suggerimento: è importante conoscere i nomi e l'aspetto delle piante e degli alberi velenosi per poterli identificare e proteggere il cavallo. È possibile realizzare un poster con le immagini delle piante velenose e il nome corretto. Di seguito sono riportate alcune immagini di piante e alberi comuni altamente tossici per i cavalli.

Leggi di più su:

Consigli +malattie +Salute +